Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Spiritualità

I voli in cielo con gli angeli della beata Katharina Emmerich

don Marcello Stanzione - pubblicato il 07/09/20

La mistica ha riportato nei suoi scritti le visioni di questi spostamenti che lei effettuava in luoghi sconosciuti, in cui lo spirito celeste la accompagnava

Una volta la beata Anna Katharina Emmerich disse, parlando degli spiriti celesti:

«L’angelo mi chiama e io lo seguo in vari posti; viaggio spesso con lui. Mi porta tra persone che conosco bene oppure superficialmente, e ancora tra altre che mi sono completamente estranei. Attraversiamo il mare in maniera così veloce come viaggia il pensiero. Posso vedere lontano, molto lontano! Fu lui che mi portò dalla regina di Francia (Maria Antonietta) nella sua prigione. Quando viene a prendermi per un viaggio di solito vedo prima uno scintillio di luce, poi la sua forma luminosa appare improvvisamente davanti a me come il bagliore di una lanterna accesa nella notte».

Wikimedia

La beata Anna Katharina Emmerick è una religiosa agostiniana tedesca nata nel 1774. A partire dal 1799 sente i dolori della corona di spine, accompagnati da perdite di sangue che ebbero luogo ogni venerdì. Poi sopraggiunsero dolori nelle mani e nei piedi. Invisibili da principio, le stimmate finirono per apparire sul corpo. Inoltre una croce avrebbe fatto la sua comparsa sul petto; raddoppiava nelle dimensioni nel tempo di Natale. Molti sacerdoti e medici vennero a visitarla per verificare la veracità di queste ferite. Uno dei dottori del convento cercò di curarle, senza però mai riuscirci.

Il viaggio in strada e nel deserto

Prosegue la mistica:

«Quando continuiamo a viaggiare nell’oscurità, una luce fioca fluttua sul nostro cammino. Attraversiamo paesi a me familiari fino alle regioni molto distanti. Qualche volta il nostro viaggio si svolge sulla strada, qualche volta attraverso deserti, montagne, fiumi e mari. Io viaggio sempre a piedi, e spesso devo oltrepassare aspre montagne. Le mie ginocchia mi dolgono per la fatica e i miei piedi nudi bruciano. La mia guida è qualche volta davanti a me, qualche volta al mio fianco. Non vedo mai muovere i suoi piedi. Egli è silenzioso, fa pochi movimenti, ma a volte accompagna le sue brevi risposte con un gesto della mano o un’inclinazione della testa. Come è luminoso e trasparente! Egli è serio, solenne, ma molto gentile. I suoi capelli sono lisci, fluenti e brillanti».

“Non posso mai guardarlo completamente in faccia”

La testa, ricorda la mistica, «è scoperta e il suo vestito lungo e di un bianco impressionante, come quello di un sacerdote. Io mi rivolgo a lui liberamente, ma non posso mai guardarlo completamente in faccia. Mi chino davanti a lui. Egli mi dà ogni sorta di segni. Non gli faccio mai molte domande; la soddisfazione che mi dà l’essere vicino a lui mi trattiene».

“Inizia a gridare a Dio”

Emmerick sente e vede l’angelo sempre vicino:

«Egli è sempre molto breve nelle sue parole. Lo vedo anche nei miei momenti di veglia. Quando prego per gli altri ed egli non è vicino lo chiamo per andare dall’angelo di coloro per cui sto pregando».

«Quando arrivo presso ampie distese d’acqua e non so come attraversare – conclude – mi trovo all’improvviso all’altra sponda e mi guardo indietro con meraviglia. Spesso sorvoliamo le città. Io lasciai tardi la chiesa dei gesuiti a Coesfeld una sera d’inverno con una forte tempesta di neve e pioggia per ritornare a casa sui campi di Flamske. Ero terrorizzata e iniziai a gridare a Dio. Improvvisamente vidi una luce come una fiamma di fronte a me. Prese la forma della mia guida nelle sue vesti. La terra sotto i miei piedi divenne secca, si schiarì il cielo, non mi cadeva addosso né pioggia né neve e arrivai a casa nemmeno bagnata».




Leggi anche:
Quel volo verso il Paradiso tra la beata Emmerich e San Michele arcangelo




Leggi anche:
“L’angelo mi portava a pregare nel Purgatorio”. Le visioni della beata Emmerick




Leggi anche:
Le false profezie di Malachia e della Emmerich sui “due papi”


DESERT FATHERS, ST POIMEN THE GREAT

Leggi anche:
Le visite provvidenziali degli angeli custodi ai Padri del deserto

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
angelibeata emmerich
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni