Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

I genitori alcolizzati lo hanno abbandonato da bambino. Oggi evangelizza su Internet e reti sociali

DIMITRI

Gentileza

Jesús V. Picón - pubblicato il 05/09/20

Parlaci un po’ dei tuoi talenti. Cosa ti appassiona di più nella vita? Cosa muove la tua anima e i battiti del tuo cuore?

Una delle cose che mi appassionano di più è la ricerca della bellezza, la bellezza di Dio, in qualche modo plasmata in tutti gli aspetti della nostra vita quotidiana. E quello che mi muove è una chiamata che ho sentito a Cracovia, alla Giornata Mondiale della Gioventù, nella quale il Signore mi ha chiesto di abbandonare tutti i miei doni, a livello sia di disegno che di sviluppo, di creatività, ecc., e mi ha affidato una missione ben chiara; mi ha chiesto di rinnovare la Chiesa su Internet, a livello di contenuti e di immagine, e di lottare per questo.

HOLYDEMIA
Holydemia

Cos’è Holydemia, come nasce e qual è la missione principale di questa piattaforma?

Holydemia nasce da un’idea; mi trovavo con uno dei miei soci, parlavamo della formazione cattolica e ci siamo resi conto del fatto che la Chiesa non era idonea i tempi che corrono a livello di formazione, ovvero doveva ancora realizzare dei corsi in presenza; non si stava arrivando ai giovani, e i giovani hanno bisogno di qualcosa che si adatti a loro.

Abbiamo anche visto che i corsi cattolici in Internet erano molto dispersivi; ogni organizzazione aveva i propri.

Abbiamo identificato una necessità: non c’era un centro di formazione mondiale a cui tutti potessero accedere per seguire dei corsi senza bisogno di essere presenti, che li potesse far sentire al loro ritmo, quando volessero, ad esempio durante le vacanze o i fine settimana. E che avessero anche un valore. Dall’altro lato, c’erano anche professori e formatori con grandi conoscenze ma che non avevano le risorse necessarie per elaborare i loro corsi.

Holydemia nasce allora per creare un centro di formazione mondiale cattolico, e dall’altro lato per dare strumenti alle persone che desiderano formarne altre o trasmettere le proprie conoscenze.

Dimitri, in quest’epoca di pandemia e di isolamento, come può Holydemia aiutare gli imprenditori e anche un vasto pubblico che cerca contenuti coerenti con la dottrina cattolica e che a loro volta possano offrire formazione o informazioni?

Credo che Holydemia nasca in un momento molto positivo, perché questa pandemia ci ha fatto valorizzare maggiormente le risorse online. Credo che il futuro sia in questo, che le lezioni smetteranno di richiedere la presenza e che attraverso la rete si possa fare tutto.

Credo allora che Holydemia da un lato rinnovi la formazione cattolica delle persone, in un’epoca in pandemia come questa offrendo la possibilità di continuare a crescere nella fede senza bisogno di assistere ad alcuna lezione; è l’interessato che marca il proprio ritmo, che gestisce le lezioni, che lo fa quando può.

È poi utile agli imprenditori, perché sono i professori e i formatori che vogliono impartire delle lezioni; permette loro in un’epoca di pandemia di pensare e promuovere affari insegnando agli altri. Visto che molti sono rimasti senza lavoro e altri lavorano meno, ricevendo quindi stipendi inferiori, Holydemia può dare una mano. Se si fanno dei corsi, più sono meglio è, e se li si sa promuovere è una piattaforma che può portare a ulteriori entrate, anche piuttosto consistenti, perché si riceve una percentuale molto elevata per ogni allievo. Questo aiuta molti gli imprenditori, chi gestisce piccole attività e le organizzazioni ad andare avanti.

Quali sono i requisiti per essere formatori, e quali quelli richiesti per partecipare a un corso?

Per essere formatori basta inviarci una richiesta dalla nostra pagina web, dove dice “impartire corsi”; si apre un formulario, lo si riempie, si invia il curriculum e tutti i propri dati, l’équipe lo analizza e si approva o si nega la richiesta.

Su cosa ci basiamo? Quello che vogliamo sapere è fondamentalmente l’esperienza che si ha con i corsi online, anche se questo non determina l’approvazione o meno, che deriva piuttosto dalla conoscenza della materia scelta. Per noi è importante che si tratti di una persona che vive la propria fede con impegno, che sia una persona seria sul lavoro, che sappia davvero di cosa sta parlando.

Dall’altro lato l’allievo, per approfittare dei corsi, deve solo registrare un account su Holydemia, e da lì accede a un catalogo molto ampio. Ci sono corsi a pagamento, che sono quelli principali, e corsi gratuiti a cui l’allievo si iscrive senza che gli venga chiesto un solo dollaro. Si può usufruire di tutti i corsi gratuiti che si vuole.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
abbandonoevangelizzazioneinternetrussiaspagna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni