Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
For Her

La vera emancipazione non è una competizione contro i maschi

Adam Winger | Unsplash

Giulia Cavicchi - pubblicato il 03/09/20

"Siamo cresciute, siamo capaci di stare al mondo, eppure siamo più sole che mai". La vera sfida per le donne di oggi è scommettere che il rapporto tra i sessi sia collaborativo e non oppositivo.

Il titolo di questo romanzo di Marcella Serrano, L’albergo delle donne tristi, mi aveva colpita fin da adolescente, ma allora ero troppo entusiasta di Isabel Allende per avvicinarmi ad un’altra autrice sudamericana.

Quest’estate è arrivato il momento di leggerlo ed è stato bello scoprire che parla di una psichiatra che ha creato un albergo dove le donne che stanno vivendo un momento particolare della loro vita e hanno bisogno di ritrovarsi possono vivere un’esperienza a contatto con la natura, in contatto con sé stesse e a contatto con le emozioni e le vicende di altre donne.


TESTA A TESTA

Leggi anche:
Donna e uomo hanno interiorità diverse: le tensioni non sono sempre conflitti

Mi ha emozionato pensare che, quando lo avevo preso in mano da liceale, non potevo immaginare che sarei diventata psicoterapeuta e che il mio studio sarebbe stato frequentato quasi per intero da donne.

Donne alle prese con la loro identità, donne che cercano il coraggio per affrontare un grande dolore, donne che soffrono perché troppo spaventate o troppo ferite, donne che vorrebbero aprirsi all’amore, donne che cercano accudimento e calore.

Sono grata a tutte loro per come si mettono in gioco e si affidano e sono loro grata anche perché mi trasmettono una grande speranza per il futuro: la maggior parte di loro infatti è molto giovane, e questo mi fa pensare che le giovani generazioni abbiano meno paura di chiedere aiuto e siano più capaci di prendersi cura di sé stesse.

Essere donne oggi (ma anche uomini) del resto, non è affatto facile.

Il romanzo in qualche modo tratta questo tema, quello della relazione tra i sessi, soprattutto nelle sue complessità e difficoltà. Onestamente mi aspettavo di più dal titolo e dall’ambientazione promettente e invece l’ho trovato un po’ banale e non abbastanza avvincente. Tuttavia ho ritenuto interessante il punto di vista che emerge sulla relazione tra uomini e donne.

A questo proposito riporto uno stralcio di ciò che Elena, la psichiatra, dice a Floreana, la protagonista del libro, perché mi sembra un’osservazione piuttosto realistica:

“Il fatto è che ormai le donne non vogliono più fare da madri ai loro uomini… e tanto meno vogliono essere trattate come figlie.” […]
“Vorrebbero stare sul loro stesso piano. Aspirano a costruire relazioni paritarie che siano compatibili con l’affetto.” […] “Siamo cresciute, siamo capaci di stare al mondo, eppure siamo più sole che mai.” […] “Credo che la sfiducia e l’incomprensione tra uomini e donne stiano aumentando ogni giorno che passa. I vecchi codici dell’amore non servono più e gli uomini – come noi, del resto – non ne hanno trovati di nuovi…”[…] “Il sogno era di poter essere più felici non appena avessimo conquistato più spazio e riconoscimenti. Ma ho la sensazione che le cose non stiano andando in questo senso”.
FRIENDS,
oleschwander | Shutterstock

Condivido la sensazione che la trasformazione sociale e culturale in cui siamo immersi, rispetto al ruolo e all’identità maschile e femminile, per quanto necessaria su alcuni punti, al momento ci stia lasciando entrambi, uomini e donne, un po’ disorientati e forse anche più distanti.

La speranza da parte mia è che si tratti di un processo in corso, che possa portare a nuove forme e a nuovi modi di relazionarsi affinché la relazione tra maschile e femminile possa essere sempre meno competitiva, sempre meno segnata dalla dipendenza, e sempre meno contraddistinta da lontananza e incomunicabilità; l’augurio allora è che il rapporto tra i sessi si trasformi piuttosto in unione e collaborazione, nel rispetto della reciproca differenza, e che quest’ultima possa essere sempre più ritenuta una ricchezza e non un ostacolo o un motivo di conflittualità.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA GIULIA CAVICCHI

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
donneemancipazione femminilerelazioni
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni