Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Chiesa

Dalla Costiera a Gerusalemme: così il beato Sasso ha fondato l'Ordine di Malta

Wikimedia - Bolgmandrafurente55

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 03/09/20

A Scala, sulla costa amalfitana, suo paese d'origine, una tre giorni per ricordare Gerardo Sasso e le sue gesta per aiutare gli ultimi

Sarà il Ministro della Salute, Roberto Speranza, a partecipare, a nome del Governo italiano, agli eventi che si terranno a Scala in occasione del IX centenario della morte del Beato Gerardo Sasso, frate francescano e fondatore dell’Ordine di Malta. Il 3 settembre alle 10.15 il Ministro prenderà parte alla solenne Celebrazione Eucaristica presieduta dal Cardinale Angelo Maria Becciu nel Duomo di San Lorenzo, al termine della messa pronuncerà il saluto ufficiale.

Il comune di Scala, paese più antico della Costiera Amalfitana, fa memoria del suo figlio illustre, fondatore dell’Ordine degli Ospitalieri di San Giovanni di Gerusalemme, divenuto poi Sovrano Ordine Militare dei Cavalieri di Malta, con una tre giorni di incontri e dibattiti sui temi cari al Beato Gerardo Sasso: dialogo interreligioso, solidarietà e fratellanza tra i popoli.

La commemorazione è stata aperta il primo settembre con un convegno dal titolo “Incontri e confronti: l’incontro con i Musulmani”; a seguire il 2 settembre “Gerardo e Francesco due Italiani e l’oriente” un dialogo tra Padre Enzo Fortunato, Domenico De Masi, Antonio Scurati e lo scultore Jago.

Testimone di amore per il prossimo

«Scala è il paese più piccolo e più antico della costiera amalfitana ed è il paese che ha dato i natali, intorno al 1040, a Gerardo Sasso definito Beato nel 1984 da San Giovanni Paolo II. È un comune ricco di tradizioni, chiamato anche “Balcone della costiera amalfitana” che offre al visitatore e al pellegrino scenari che allargano il cuore. Per noi – ha dichiarato il Sindaco di Scala, Luigi Mansi – è un onore poter ricordare il “nostro” Beato con una serie di eventi dall’alto spessore culturale e religioso, per ricordare quanto sia importante la prossimità e l’amore per il prossimo, proprio come voleva fra Gerardo Sasso: vicino agli ultimi vicino agli emarginati».

Come San Francesco

«Fra Gerardo Sasso e Frate Francesco – ha sottolineato il direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato – sono due italiani che ci fanno intravedere le nostre radici cristiane mostrandone la bellezza tramite la prossimità che si fa cura delle ferite altrui per lo scalese e che si fa incontro e dialogo per l’assisano».

La foresteria del monastero benedettino

Gerardo dirigeva la foresteria (hospitium, ospitale) nel monastero benedettino di Santa Maria Latina in Gerusalemme, ricostruito attorno al 1070 dai ricchi mercanti italiani de Comite Maurone immediatamente a sud del Santo Sepolcro per accogliere i numerosi pellegrini in visita ai Luoghi Santi.

Con la Prima crociata (1099) l’ospedale di San Giovanni si rese indipendente e nel 1113 ottenne il riconoscimento del pontefice Pasquale II attraverso la bolla Pie postulatio voluntatis. Gli antichi racconti sui primordi degli Ospitalieri narrano di un coinvolgimento di Gerardo, nel contesto di una narrazione agiografica, durante l’assedio crociato di Gerusalemme.

L’espansione dell’ordine

Nel corso degli anni, il prepositus e rector Gerardo raccolse generose offerte e donazioni trasformando l’antico ospizio in un vero e proprio ordine, ramificato in domus sempre più numerose sparse tra l’Europa e l’Oltremare. In questi anni, l’ordine rimase un’istituzione squisitamente assistenziale.

Dopo la caduta di Gerusalemme (1187) e quella di Acri (1291), l’ordine di San Giovanni di Gerusalemme si trasferì a Cipro, poi a Rodi e in età moderna a Malta, fino all’arrivo di Napoleone e all’attuale ricollocamento.


SAINT FRANCIS

Leggi anche:
“La grande tentazione”. Ecco perché San Francesco lasciò la guida dell’Ordine Francescano


SAINT BONAVENTURE

Leggi anche:
Conoscete la storia di san Bonaventura, salvato da un miracolo?


SAINT CLAIRE FRANCIS

Leggi anche:
Volete essere dei veri francescani? Seguite i consigli di San Francesco e Santa Chiara

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
francescanigerusalemmeordine di malta
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni