Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
Storie

Shobka, una “touring sister” indiana sempre in moto verso Dio

Aide à l'Église en Détresse

Suor Shobka Rani Talari in sella al suo nuovissimo scooter

Eva-Maria Kolmann - Aiuto alla Chiesa che Soffre - pubblicato il 02/09/20

In India, suor Shobka Rani Talari solca le strade col suo scooter per aiutare le famiglie svantaggiate in materia di salute, di educazione e di pastorale.

Suor Shobka Rani Talari sorride mentre salta in sella al suo nuovo motorino. Le stradacce che spesso la portano fin nella giungla non la dissuadono dal lavorare nella missione di Chaygaon, situata nell’arcidiocesi di Guwahati, regione povera nel nord-est del grande Paese asiatico. È sempre per strada: è una “touring sister”, una religiosa itinerante che visita giorno dopo giorno le persone nei villaggi più remoti. Il suo aiuto è necessario e urgente: in quei villaggi situati per gran parte in piena giungla, infatti, non c’è alcun presidio medico, non c’è elettricità e quasi nessuno sa leggere o scrivere. La povertà è grande, le condizioni igieniche cattive e le famiglie hanno molti problemi. Le coppie si sposano spesso giovanissime, i bambini sono abbandonati allo stato brado mentre i genitori cercano come possono di assicurare la sussistenza alla famiglia. Regolarmente, i raccolti dei loro piccoli campi vengono depredati da elefanti selvatici o da altri animali.


TRAIN

Leggi anche:
India: il Lifeline Express, treno-ospedale che salva vite

Suro Shobka Rani Talari si reca a visitare le famiglie per vedere se ci sia qualche malato bisognoso di aiuto, come Benedict Rabha, un bambino di dieci anni caduto da un albero che deve essere trasportato in ospedale. La religiosa si trattiene con le persone e dà loro preziosi consigli perché restino in buona salute. Insegna loro a vivere e a lavorare in maniera più economica ed efficace, e convince pure i genitori a mandare i bambini a scuola. È la loro sola speranza di evolvere e di raggiungere migliori condizioni di vita. Le sue consorelle della congregazione delle Figlie della Divina Provvidenza gestiscono un piccolo collegio perché i bambini originarî dei villaggi sperduti possano anch’essi andare a scuola.

Aide à l'Église en Détresse
Con la superiora e un'altra consorella

Suor Shobka Rani Talari dirige ella stessa la scuola di un villaggio che conta un centinaio di alunni. Spesso deve dar prova di grandi doti persuasive, perché numerosi genitori non comprendono il bisogno di formazione. La religiosa lavora pure con ottanta donne che istruisce e forma ad aiutare altre donne, seguendo le gravidanze e accompagnando le nascite, sostenendole nell’educazione dei bambini e informandole sui pericoli dell’abuso di alcool e del tabagismo.




Leggi anche:
Una suora coraggiosa in mezzo alle proteste di Cincinnati

In questi tempi segnati dalla pandemia di Covid-19, questo sostegno è più indispensabile che mai. Suor Lilly Urakadan, la madre superiora, racconta: «Abbiamo potuto aiutare 320 famiglie che si trovavano in grande difficoltà». Del resto, le religiose hanno installato nel loro stabilimento scolastico un centro di quarantena dove possono accogliere le persone che devono essere isolate a causa di una infezione da Covid-19 e che non possono farlo nelle loro casette, dove numerosi membri della famiglia vivono insieme in uno spazio molto esiguo. L’India è il terzo Paese al mondo più toccato dalla pandemia.




Leggi anche:
Una suora carmelitana ottiene una casa per 12 persone transessuali

Una sfida pastorale importante

Suor Shobka Rani Talari va pure, talvolta, dalle autorità locali per «far muovere le cose». È giunta a ottenere l’illuminazione a energia solare per un villaggio in cui degli elefanti erano venuti a più riprese nella notte. Da allora, gli elefanti non si avvicinano più. Una delle stradacce di cui sopra dovrebbe poi essere riparata entro il 2021. Sono balzi da giganti, in una regione sottosviluppata e abbandonata.


DŁONIE STARSZEJ KOBIETY

Leggi anche:
“La piccina non ce la farà”. Oggi è una brillante suora di 100 anni!

Ad ogni modo, la pastorale resta la sfida più importante. Le religiose lavorano a stretto contatto con il sacerdote che serve in quelle zone. La Chiesa è ancora giovane in questa regione, i cui abitanti appartengono a diversi gruppi etnici autoctoni, i quali si rifanno a religioni tribali tradizionali prima di scoprire il cristianesimo. Partecipano con entusiasmo alla vita della Chiesa, ma hanno bisogno di essere guidati per progredire nella fede. In questi villaggi isolati in cui è impossibile celebrare l’Eucaristia ogni domenica, i fedeli si riuniscono per pregare il rosario o altre preghiere e per praticare devozioni. I catechisti che insegnano la fede vi giocano un ruolo importante. Le religiose sono pure responsabili della formazione iniziale e permanente dei suddetti catechisti.

Aide à l'Église en Détresse
Suor Shobka Rani Talari visita le persone per una missione multiforme.

Senza veicolo, il lavoro di una suora itinerante è difficilissimo. Grazie ad Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), che ha contribuito con un’offerta, l’ordine ha finalmente potuto comprarle uno scooter. «Da quando suor Shobka Rani Talari ha la sua moto – si rallegra la sua madre superiora – ha potuto raddoppiare il numero delle sue visite nei villaggi». E scrive:

Vi siamo estremamente riconoscenti per la vostra generosità. Vi assicuriamo le nostre preghiere per voi e per tutti i benefattori. Ricordatevi anche voi di noi nelle vostre preghiere, perché proclamiamo sempre con fervore il Regno di Dio attraverso le nostre parole e i nostri atti.

L’anno scorso ACS ha contribuito ad assicurare l’esercizio dell’attività pastorale e missionaria mettendo a disposizione di religiosi, preti e catechisti nel mondo, un totale di 266 automobili, 119 moto, 266 biciclette e 12 barche.




Leggi anche:
Soccombe al Coronavirus suor Ruth Lewis, la “madre dei dimenticati” di Karachi

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
aiuto alla chiesa che soffreasiaindiamissionarimissionemissionisuore
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni