Aleteia
martedì 27 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
For Her

Sono il paziente 1 di Codogno e con la mia famiglia dico grazie a tutti e "Viva l'Italia"!

Erboristeria Madre Natura Casalpusterlengo | Facebook

Paola Belletti - pubblicato il 01/09/20

Mattia Maestri è il primo paziente ad essere tracciato per la malattia da Covid-19 in Italia; ha perso il papà a causa del coronavirus, ma ha potuto riabbracciare la moglie Valentina e la piccola Giulia, nata in pieno lockdown e simbolo della forza della vita.

“Noi che abbiamo avuto la forza di ripartire… voi clienti e amici che ci siete stati vicini in questi mesi. A voi il nostro grazie e… Viva l’Italia!”. Firmato Mattia, Valentina e Giulia.

Una foto in un concorso di allestimento vetrine in un paese di provincia. Ma la notizia c’è davvero!

Di per sé è una cosa da poco, un semplice concorso per le vetrine meglio allestite dentro una festa che insieme alla tradizione porta con sè dello scontento, proprio perché la tradizione della sagra è sotto attacco, forse da prima dell’emergenza Covid.

La festa nasce intorno alla memoria liturgica di San Bartolomeo, patrono di Casalpusterlengo. Probabilmente il suo legame con il Santo era già lasco, come in tante realtà di paese, dove i santi vengono gabbati ben prima che passi la festa. Così leggiamo su Il Giorno, pagine locali:

La sagra di San Bartolomeo ormai non esiste quasi più, smontata pezzo a pezzo da decisioni dell’amministrazione comunale del sindaco Andrea Delmiglio che ogni giorno arrivano come una “tagliola“ sul calendario degli eventi. “Considerata la complessità del momento, vista la situazione emergenziale in continuo mutamento, in condivisione con la Pro loco e le associazioni che ci supportano nell’organizzazione si comunica la definitiva programmazione degli eventi della Sagra di San Bartolomeo”, si leggeva ieri in una nota del Comune. In pratica, dopo il no ai fuochi d’artificio, alla distribuzione della torta di Casale e al lunapark (che ha mandato su tutte le furie gli operatori che avevano già installato le giostre in centro), è stata rinviata a data da destinarsi anche la premiazione delle associazioni di volontariato, oltre al concerto della banda Orsomando. Azzerato pure il tombolone.
Restano confermate le selezioni regionali di Miss Intercontinental in piazza del Popolo per questa sera, il concorso delle vetrine, lo spettacolo con Paolo Ruffini domani sera e il concerto di Serafino Tedesi sabato.
Ma in questo caso la notiziola c’è lo stesso e porta con sè una notizia più grande dello spazio locale nel quale è nata e poteva spegnersi. Perché Mattia è quel giovane la cui diagnosi, fatta grazie alla capacità dell’anestesista di turno, ha significato l’inizio dell’epidemia da SARS-CoV-2 in Italia, o almeno la sua presa di coscienza. L’ospedale di Codogno blindato, le prime zone rosse, l’attenzione accesa sulla sua storia che ancora non sapevamo avrebbe significato così tanto per così tanti. Personalmente ricordo come primo indizio di pandemia l’audio di un’infermiera dell’ospedale lombardo che cominciò a rimbalzare sui nostri smartphone: qua è tutto chiuso, blindato, Mattia è ricoverato
Era giovane, Mattia, in forma, uno sportivo. Ed era sposato; lo è ancora! E Valentina, sua moglie, in quel momento era incinta, già nell’ultimo trimestre. Anche lei risultava positiva al virus; si temeva per la susa vita e per quella della piccola.
Per questo vederli così, belli e sorridenti, in quelle corde tese di sguardi (lei che guarda, lui che guarda la loro bimba tutta occhi verso l’obiettivo) messi in vetrina è una notizia che val la pena far rimbalzare.
Ci ricorda che la sola ripartenza possibile è quella della vita e nella sua sede naturale, l’unica: la famiglia. Un uomo che ama una donna che lo riama e con loro l’arrivo dei figli. In un’unione stabile e magari con una piccola attività imprenditoriale vicina a dove si vive? E la gioia più intensa ancora per aver passato una prova tanto dura.

Sono Mattia, il paziente uno: cosa ha significato per la sua storia e per la nostra

Mattia ci ha messo un po’ a scoprire di essere il paziente numero uno di una serie così numerosa; a sapere che mentre lui lottava in terapia intensiva l’Italia intera veniva travolta.

Ricoverato il 20 febbraio a Codogno dove tornava per la seconda volta in pochi giorni inizia la sequenza di incontri che gli salveranno la vita.

«Ho scoperto di essere il paziente 1 solo una volta che ho preso in mano il mio smartphone – ripercorre -. È lì che ho capito cosa fosse successo. Fino ad allora sapevo solo che ero stato ricoverato per una polmonite. Ma confesso che non mi pesa essere chiamato paziente 1. Sono solo il paziente che è stato certificato per primo». «Solo quando mi sono svegliato mi hanno raccontato cosa c’era in giro, cosa stava succedendo e neppure nel dettaglio» ricorda. (Cosenza Gazzetta)

Dalla sua caduta lui si è rialzato più forte e riconoscente di prima; ma con lui sono stati colpiti anche il papà, la mamma, la moglie. Suo padre è morto proprio a causa del virus. La mamma e la moglie ce l’hanno fatta e Valentina ha anche partorito la loro prima figlia. Ogni nascita ha una sua epica e così sarà per la piccola Giulia, che forse in più di altri leggerà su ritagli di giornale e link salvati con quanta trepidazione fosse atteso il suo arrivo.

La prova attraversata: dolore e gioia, perdite e incontri

«La mia malattia, la mia guarigione, il fatto che sia mia madre che mio padre che Valentina si siano ammalati, mia madre e Valentina sono guarite, mio papà non ce l’ha fatta. E poi la nascita di Giulia, tutto concentrato in un mese e mezzo scarso, è una cosa da film, forse anche di più di un film». (Ibidem)

Mattia è sicuro che alla sua bambina racconterà di un uomo che per lui è un secondo papà:

 «innanzitutto il dottor Raffaele Bruno (infettivologo cosentino, ndr), il mio nuovo papà. Io ho perso il mio per questa malattia ma Bruno che mi ha salvato lo considero così. E poi la dottoressa Annalisa Malara (anestesista di origini reggine, ndr). È stato grazie al suo intuito e al suo coraggio che è stato scoperto il coronavirus», conclude l’ex paziente 1. (Ibidem)
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
lockdown
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni