Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconFor Her
line break icon

Nessuno ci ha detto la verità sulla sindrome di Down. Storie di chi l'ha scoperta ed è felice

Paola Belletti - pubblicato il 27/08/20

Non solo un profilo Instagram e uno, recente, su TikTok. Ma anche un libro testimonianza: ecco cosa significa vivere con una persona trisomica. O essere una persona trisomica. La verità, vi prego, su tutto l'amore di cui queste persone sono portatrici.

Mi ci sono imbattuta su TikTok e già questo depone a suo favore. Persino sul social che ho compreso meno di tutti ci si trova faccia a faccia con storie così; che questa, poi, è una storia di storie, una pagina di gioia revisionista, che smonta a suon di vite particolari e sorrisi disarmanti i pregiudizi più cupi su cosa significhi vivere con la sindrome di Down o con qualcuno che ne sia portatore.

@positiveaboutds

#trending#dancechallenge#dance#baby#cute#dancetrend#challenge#tiktok#fyp#foryourpage#foryourpagechallenge#t21#babiesoftiktok

♬ original sound – POSITIVEABOUTDOWNSYNDROME

Hai un bimbo con sindrome di Down? Hai ricevuto una diagnosi prenatale di trisomia 21? Sappiamo che ti si addenseranno nubi scure sul cuore e all’orizzonte, che il futuro ti si disegnerà come spaventoso e triste. Ecco, non è vero niente; non ti hanno ancora detto la verità su cosa significhi essere una persona con la sindrome di Down; o avere un figlio o un fratello che ne sia affetto.

#Nobodytoldme, The true about Down syndrome è il titolo di un libro scritto e finanziato da genitori, fratelli, nonni di persone così, speciali nel senso meno stucchevole che ci venga in mente.

Il libro, pieno di foto, di scampoli di vita e di racconti, è come spiegano gli autori “Una raccolta di esperienze personali scritte da giovani con sindrome di Down, familiari e amici che riflette la realtà delle nostre vite e mostra perché siamo positivi riguardo alla sindrome di Down!”

Se penso agli incontri che ho avuto personalmente con questa realtà e in particolare con le mamme di alcuni di questi bimbi, due su tutte, Annalisa Sereni e Roberta Becchia, ciò che è mancato al momento della diagnosi e poi per qualcuno della nascita (perché loro sono mamme di figli vivi!) era proprio la consegna schietta, integra, onesta della verità. Quel bimbo è il tuo bimbo, quella personcina non è e non sarà mai solo la sua malattia. La sua vita porterà gioia e non solo fatiche. Forse parecchia gioia in più di vite meno faticose, a dirla tutta la verità.

Di solito non si riceve nessuno sconto sulle fatiche, i rischi, le angustie dovute alle esigenze di questi bimbi; ma allora che non si lasci nascosta in magazzino la collezione d’alta moda! Sono figli in tutto e per tutto e sì, sono affetti da un’anomalia gentica, di cui pagano anche il prezzo, ma sono capaci di rimettere al centro l’essenziale: l’amore.

Alla base di questa, come di altre iniziative, c’è la consapevolezza -unita allo sgomento – che se solo i genitori sapessero davvero cosa comporti la sindrome di Down non, ovvero la presenza viva e originalissima di una persona irripetibile per quanto colpita più o meno gravemente, non si priverebbero di un dono tanto prezioso.

Penso che tanti genitori che hanno optato per un consigliatissimo, sponsorizzatissimo, attesissimo aborto falsamente spacciato per terapeutico davanti a questa carrellata di foto, di bambini oggettivamente belli e sì oggettivamente portatori di tratti visibili e meno della sindrome da cui sono colpiti, si sentiranno in trappola. Ora, loro, non possono più avere intrecciata alle loro vite quella di quel bambino. Chissà se avrebbe imparato presto a camminare, chissà se avrebbe stupito medici e riabilitatori, chisssà i nonni come si sarebbero affezionati.

Ecco, questo libretto è un memento vivere, semper. Attenzione, c’è di tutto: la coppia omosessuale, la single che ha optato per la FIVET. Ci sono tutte le nazionalità, siamo in UK e si sa che è multietnica nella sua popolazione.

Ci sono figli, soprattutto, anche coppie di gemelli; e c’è persino un papà, con sindorme, che ha avuto un figlio, sano, fierissimo di lui. Ne abbiamo parlato anche noi.

Quindi direi che non val la pena fare gli schizzinosi: va bene che si dica da ogni pulpito. Una persona con sindrome di Down è degna di vivere e noi siamo degni della sua compagnia.


HEIDI CROWTER

Leggi anche:
Heidi, 24nne con sindrome di Down, alla testa del no all’aborto in Irlanda del Nord

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
sindrome di down
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni