Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconFor Her
line break icon

Anche andare dall’estetista o dalla parrucchiera può servire un bene più grande

hair stylist

Di Yolya Ilyasova|Shutterstock

Martha, Mary and Me - pubblicato il 25/08/20

Ogni vita e in essa ogni circostanza anche la più banale; ogni piccolo fastidio o dolore, tutto, ha senso se offerto a Gesù. Prima di ogni ceretta, seduta dal dentista o dal fisioterapista, puoi offrire quei piccoli dolori per qualcuno.

Strizza, stira, strappa, appiccica, brucia, graffia, accorcia. Insomma, estetista, parrucchiere, dentista o fisioterapista…Nessuno è immune! Soffriamo per dovere, per curarci, ma tante, troppe volte, anche per piacere agli altri e a noi stessi. E spesso, molto spesso, soffriamo inutilmente. Da piccola mi chiedevo perché dovevo sopportare, perché soffrivo? Perché avrei sofferto e molti bambini ancora più di me? Che Dio è un Dio che può tutto ma, se lo chiedo con amore e con fiducia, non allontana il dolore da me?

Le grandi domande a cui non si può dare una risposta se non accettando che tutto, nella nostra vita, proprio nella nostra esistenza che a volte ci sembra banale e ordinaria, niente di che, insomma, può concorrere a qualcosa di buono. Per fortuna, avevo amiche speciali io, a farmi aprire gli occhi su questo mistero: le suore. Eh sì perché un grande dono che mi hanno fatto i miei, è stato portarmi da piccola a conoscere le suore di clausura, quelle nere, dietro la grata spessa, che mi toccavano le manine passando le dita negli incroci di ferro battuto. Le suore di clausura, grandi sorrisi e occhi amorevoli nascosti dietro le mura delle nostre città, pronte a dare agli altri tutto ciò che hanno: Lui. Le grandi donne di oggi, che non solo sanno infondere una dolcezza unica, pacata e piena di grazia, ma sanno anche rincuorare, guarire le ferite, consigliare e stare vicino come nessun altro potrà mai: pregando. Risplendono e sanno mostrarti la Luce, sempre: non importa da quanto tempo vaghi nell’ombra, non importa se hai scordato persino il calore di un flebile raggio. Mica male le Sue spose! E poi chi meglio di loro poteva sapere i Suoi segreti? Così un pomeriggio sono andata dalla mia best-suora con il più grande quesito del mondo. Beh sì, credo sia stata un po’ nei guai davanti alla bimbetta riccioluta dagli occhi grandi che aspettava una risposta rassicurante.


WOMAN, LEGS, MIRROR

Leggi anche:
Non è poi così superfluo chiedersi se Dio c’entra anche coi peli superflui

Ma, nel non poter rispondere a pieno ad una domanda così filosofica sul senso del dolore, non mi lasciò insoddisfatta. Infatti mi insegnò un piccolo trucco, innocente ma efficace, e preziosissimo, che mi accompagna tutt’oggi tra una corsa dall’estetista, un dente del giudizio e una tinta bella forte dalla parrucchiera.

“Quando stai male, offri a Gesù quel dolore, Lui aiuterà altri bambini con il dono della la tua sofferenza. In più vedrai che passerà subito (+ occhiolino)”. Bene, dopo una venticinquina d’anni di test, posso garantire che sarà il primo consiglio che passerò a mia nipote, quando la fatidica domanda verrà posta a me. È vero, dare un senso anche al dolore anche quello inutile, insulso e fastidioso, può cambiarlo. Può renderlo più sopportabile, significativo. Ogni volta offro i dolori, piccoli e grandi, per una causa, una persona, o le anime del purgatorio. Ovvio, solo da piccolina il dolore sembrava passare prima, ma è sempre un modo efficace di mettersi al Suo servizio, di “renderGli lode” con la mia vita così normale che però non è esente dal doversi fare trascendentale in ogni cosa, in quella insulsa quotidianità, nella “normalità” e nel piccolo, per trasformarlo in altro, per far sì che davvero nulla vada perso. Così l’ultima ceretta all’inguine mi sono ritrovata ad offrire il dolore per salvare dall’aborto la vita di qualche bambino: Ahi…Rita.. Ah…Giorgio…Ahia…Agata… E così fino alla fine (sì certo, lo so che non basta uno strappo per salvarne uno, ma visto che il catalogo Lui non l’ha ancora pubblicato, e che se mai succederà sarà una catastrofe perché all’immenso valore della vita non potrei neanche avvicinarmici, mi fido della sua misericordia e gli lascio fare il suo lavoro!). Devo dire la verità, parto sempre pensando “bene ora che mi farà male potrei offrirlo per… Ma dopo aver elencato rapidamente nella testa tutte le persone e le associazioni che conosco, il cuore cade sempre lì: i bimbi che non nasceranno. E vincono sempre eh, battono tutti a tavolino!

Così se anche un solo frugoletto può in qualche modo giovare, con la misericordia immensa di Dio, del mio dolore, tutto cambia, tutto si trasforma. E anche la ceretta all’inguine non è poi così dolorosa!

Tags:
bellezzadoloreintercessione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni