Aleteia
martedì 20 Ottobre |
San Paolo della Croce
Chiesa

Gli aromi della città di Avila: secondo la Genesi qui si sprigiona il profumo del Signore

Wikimedia - Anual

La città fortificata di Avila, in Spagna.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 24/08/20

La resina odorosa di cui profuma la città di santa Teresa coincide con la "manna", la sostanza che indica la venuta sulla terra del Figlio di Dio

I racconti della creazione non parlano solo del soffio di Dio e del profumo della sua parola, ma anche dei profumi del giardino di Eden. Bisogna entrarvi in punta di piedi per scoprirne la traccia.

Allora il Signore Dio plasmò l’uomo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita e l’uomo divenne un essere vivente.

Poi il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi collocò l’uomo che aveva plasmato. Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, e l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male. Un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino, poi di lì si divideva e formava quattro corsi. Il primo fiume si chiama Pison: esso scorre attorno a tutta la regione di Avìla, dove si trova l’oro e l’oro di quella regione è fino; vi si trova pure la resina odorosa e la pietra d’ònice (Gen 2,7-15)

Il paese di Avìla, attorno al quale scorre il misterioso primo fiume, Pison, è detto ricco di resina odorosa e di pietra d’onice, oltre che d’oro. La geografia di Genesi non è innanzitutto cartografica, ma simbolica.

La resida odorosa: il bdellio

La resina odorosa, il bdellio del paese di Avìla, è tra le più ricercate di tutta l’antichità. Materia trasformata in profumo, poteva essere utilizzata nelle fumigazioni, nelle cure dei malati e nell’imbalsamatura dei morti, oltre che, naturalmente, per il culto.

Si tratta di una gomma giallastra, ricca di essenze balsamiche che si rivelano pienamente quando la si spruzza con il vino.

MANNA
Public domain

La manna scende dal cielo.

La “manna”

Questo bdellio non lo si ritrova altrove, se non nel libro dei Numeri, dove si dice che «la manna era come il seme di coriandolo e aveva l’aspetto della resina odorosa» (Nm 11,7).

Questa connivenza discreta fra la misteriosa manna (sostanza commestibile che Dio somministrò agli Israeliti durante le loro peregrinazioni nel deserto, dopo l’uscita e la liberazione dalla schiavitù in Egitto; la manna iniziò a scendere dal cielo quando il popolo d’Israele si avvicinò al Monte Sinai per ricevere la Torah ndr) e questa preziosa gomma odorifera, è magia per l’immaginazione del lettore biblico. Paragonata, in questo modo, a una gomma aromatica, la manna porta in sé la caratteristica del profumo: il suo stesso nome, manhu, “che cos’è?”, è evanescente.

Esce dalla bocca del Signora e va sulla terra

Mentre gli incensi e i profumi salgono al cielo, la manna ne discende. Esce letteralmente dalla bocca del Signore, come il soffio creatore insufflato nelle narici di Adamo, come la parola profumata del creatore. Mangiando la manna, gli Ebrei hanno imparato che «l’uomo non vive soltanto di pane, ma che l’uomo vive di quanto esce dalla bocca del Signore» (Dt 8,3).

Come il profumo, la manna è una sorta di traccia, il pregusto di qualcosa che promette più di quel che è.

Il nutrimento del popolo di Dio

Il libro di Giosuè ci offre un altro indizio: «La manna finì il giorno seguente la Pasqua». La Pasqua celebrata dagli Ebrei era la festa della liberazione dalla schiavitù, ma non fu compiuta fino a che il popolo attraversò la prova del deserto per giungere nella terra promessa. La Pasqua di Cristo, la sua morte e resurrezione, è un compimento della Pasqua. Quando il popolo è giunto a destinazione, nella terra promessa, non ha più bisogno della manna. Ha trovato il proprio nutrimento.




Leggi anche:
I 4 ingredienti che rendono profumato l’olio santo




Leggi anche:
Non tutti profumano: sapete cosa è l’olezzo dei santi?




Leggi anche:
Il profumo di San Giuseppe: il balsamo di Galaad, unguento prodigioso


PADRE PIO,MASS

Leggi anche:
I profumi di Padre Pio sono veri o sono suggestioni? Ecco cosa ne pensano i medici

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
dioprofumo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni