Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconChiesa
line break icon

Il Papa: migranti vittime della cultura dello scarto, Dio ce ne chiederà conto (VIDEO)

PAPIEŻ FRANCISZEK

ALBERTO PIZZOLI/AFP/East News

Vatican News - pubblicato il 24/08/20

Giustizia e verità è quanto invoca Francesco in occasione dell'Angelus alla vigilia del decimo anniversario del massacro di migranti a San Fernando, in Messico. Il Papa ricorda anche le vittime di persecuzioni a causa della fede e prega per la situazione nel nord del Mozambico, dove il terrorismo internazionale sta causando migliaia di sfollati

In questa XXI domenica del Tempo ordinario, lo sguardo del Papa nelle parole seguite alla preghiera mariana dell’Angelus si allarga come consuetudine al mondo intero.

In particolare Francesco si rivolge al Messico alla vigilia del decimo anniversario di un sequestro e di un massacro ancora avvolti dal mistero. Il 24 agosto del 2010 infatti furono trovati i corpi di 72 migranti a San Fernando, Tamaulipas, nel Messico centrale, a partire dalla segnalazione di un ragazzo ecuadoriano riuscito a scappare. Tra quelli identificati c’erano i corpi di honduregni, salvadoregni, guatemaltechi, ecuadoriani, brasiliani e una persona dell’India. Un livello di violenza efferata, tale da far parlare nel tempo del coinvolgimento del narcotraffico.

Solidarietà alle famiglie

“Cercavano una vita migliore”, afferma il Papa esprimendo tutta la sua solidarietà alle famiglie:

Erano persone di diversi Paesi che cercavano una vita migliore. Esprimo la mia solidarietà alle famiglie delle vittime che ancora oggi invocano giustizia e verità su quanto accaduto. Il Signore ci chiederà conto di tutti i migranti caduti nei viaggi della speranza. Sono stati vittime della cultura dello scarto.

La preghiera per i perseguitati per la fede

Altre sofferenze, altra violenza non meno grave, è quella che il Papa ricorda all’indomani della “Giornata Mondiale in ricordo delle vittime degli Atti di Violenza basati sulla religione e sul credo”. Per loro la sua richiesta di preghiera con la sottolineatura, più volte espressa, che oggi sono molti a patire per il proprio credo:

Preghiamo per questi nostri fratelli e sorelle, e sosteniamo con la preghiera e la solidarietà anche quanti – e sono tanti – che ancora oggi vengono perseguitati a motivo della loro fede religiosaTanti.

La vicinanza a Capo Delgado

Infine, come già accaduto mercoledì scorso con una telefonata a sorpresa al vescovo di Pemba in Mozambico, Francesco torna a manifestare tutta la sua vicinanza al Paese africano che vede peggiorare la situazione umanitaria nella provincia settentrionale di Capo Delgado:

Desidero, inoltre, ribadire la mia vicinanza alla popolazione di Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, che sta soffrendo a causa del terrorismo internazionale. Lo faccio nel vivo ricordo della visita che ho compiuto in quel caro Paese circa un anno fa.

Come già nelle parole rivolte a monsignor Fernando Lisboa, Francesco ha ricordato dunque il suo viaggio in Mozambico e quanto già allora la situazione nell’area, ricca di risorse naturali, fosse difficile: oggi, in particolare dal marzo scorso, si susseguono attacchi perpetrati da gruppi armati le cui operazioni stanno diventando sempre più sofisticate e fonte di preoccupazione anche per gli Stati confinanti. Le violenze a Cabo Delgado hanno instaurato un clima di terrore tra la gente causando vittime e migliaia di sfollati in una popolazione già povera e emarginata.

Qui l’originale

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
angeluscultura dello scartomigrantipapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni