Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 27 Luglio |
San Pantaleone
home iconFor Her
line break icon

La figlia 13enne di Totti e lo scandalo della nostra cultura. Vuota

© Gente

Marco Scicchitano - pubblicato il 23/08/20

La figlia del Pupone sulla copertina del settimanale "Gente" ma anche la sacrosanta (e insufficiente!) polemica per il film Netflix in uscita. Non si tratta solo di ipersessualizzazione dei giovanissimi ma di tragico e colpevole vuoto ideale della cultura occidentale.

Ho letto della polemica relativa all’opportunità di schiaffare in prima pagina una foto della figlia del Pupone mettendone in risalto le forme. La ragazza ha 13 anni. Non pubblico la foto intera ma ho trovato incredibile la ridicola pixelizzazzione del volto che, senza in alcun modo custodire la dignità della ragazza (come sarebbe nella ratio della legge che impone di non mostrare minorenni e in caso di necessità di non renderli riconoscibili, ma in questo caso l’eterogenesi dei fini è plateale. NdR), produce un effetto visivo noto in ambiente femminista e nelle regie del porno: la “frammentizzazione del corpo femminile”. Tale effetto si ottiene inquadrando o mettendo in risalto zone del corpo femminile eroticamente stimolanti e induce a considerare parti del corpo della donna a prescindere dalla persona nel suo intero. Inquadrare una parte del corpo piuttosto che il corpo intero corrisponde alla stimolazione di un atteggiamento differente in chi percepisce, oggettivandola in relazione alla funzione eccitatoria. Una persona ha sentimenti e pensieri e dignità, un oggetto si usa.
Curiosamente questa polemica arriva contemporaneamente ad una querelle ben più vasta e rilevante che investe una azienda come Netflix che ha pubblicizzato un suo film di prossima uscita con un poster che ritrae ragazzine di 11 anni in pose sessualizzanti.
Leggendo la notizia leggo che il film racconta la storia di una ragazzina di famiglia senegalese e mussulmana che sfida l’educazione repressiva genitoriale volendo appartenere alla cultura di riferimento della sua età che, nel caso della cultura occidentale internettiana, vuol dire entrare in un gruppo dance twerking. Chiaro? Non una passione bruciante per un ideale sociale, non l’adesione ad un partito o la conversione ad un sistema valoriale differente, no: il twerk.
Il film ha vinto premi internazionali e mi sembra che sia rilevante non tanto per l’ipersessualizzazione dei preadolescenti, ma per il tema culturale.
E qui torniamo alla figlia del Gladiatore.
La nostra cultura occidentale propone modelli ipersessualizati alle ragazzine che, per istintive e normali motivazioni adolescenziali, desiderano appartenere ad un gruppo e adottare i comportamenti tipici e riconoscibili di quel gruppo.
Non è solo “Gente” il problema e, anche se con evidente maggiore forza plasmativa riguardo alla cultura, nemmeno Netflix. Il punto è che la nostra cultura produce un vuoto valoriale dove predominano e prolificano spinte performative istintive e incuranti della dignità della persona, dove la spinta sessuale la fa da padrone.
Il poster di Cuties è stato tolto, ma il film verrà distribuito e racconta una realtà che esiste preordinatamente al film, al poster e rimarrà anche dopo le proteste seppur efficaci.
Per cui, ben vengano le proteste vincenti contro Netflix e spero che quelli di Gente si vergognino ma è di quella realtà che tutto ciò descrive che dobbiamo occuparci.
Tags:
occidentepedofiliapornografia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
7
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni