Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
Storie

Covid, un medico del Niguarda: ho comprato dentifrici e rasoi per alleviare i miei pazienti

Youtube

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 22/08/20

La testimonianza al Meeting di Rimini 2020 della dottoressa Poggiali: erano impauriti e sprovvisti di tutti, catapultati all'improvviso nel reparto. Poi il loro volto è cambiato per il bene ricevuto

Non solo farmaci e corsa contro il tempo per salvare la vita delle persone ammalate di coronavirus. Ma anche tanta umanità. E’ quello che emerge dal video realizzato da “Medicina e Persona” in occasione del “Meeting di Rimini 2020 Special Edition” con il contributo di Banco Farmaceutico e di Emme Esse.

Tra queste testimonianze raccolte nel video, c’è la storia della dottoressa Federica Poggiali, medico di “Medicina ad Alta Intensità” diventato un reparto unico di “Medicina Covid”, con specialisti di varie competenze presso l’ospedale di Niguarda di Milano..

La dottoressa racconta: «All’inizio di marzo sono stata catapultata ad uno dei reparti di Covid che erano stati allestiti. Una mattina, dopo la vestizione, entro nella stanza di un paziente, e gli chiedo di mostrarmi la lingua. Lui mi dice dino perché “non ho lo spazzolino”. In quel momento ho compreso che i malati ricoverati nel reparto, venivano quasi prelevati di forza, messi in isolamento e nessun parente poteva venirli a trovare. Quindi erano sprovvisti di tutto ed erano in difficoltà».

La proposta al supermercato

A quel punto scatta una umanità che cambia la vita al medico e al paziente. «Alla fine del turno decido di andare a fare la spesa e ho comprato spazzolini, dentifrici, rasoi e tutto quello di cui avevano necessità i pazienti. Ho capito che il bisogno era molto superiore rispetto alle mie risorse e ho avuto una intuizione. Ho provato a chiedere al servizio clienti del supermercato se potevano regalare dei kit per i pazienti e subito mi sono accorta di una benevolenza: la risposta è stata positiva».

400 kit regalati ai pazienti

Federica si accorge di essere «parte di un popolo». «Non sapevo – prosegue – come far pervenire burocraticamente tutto quel materiale in ospedale. Tramite mio cognato che lavora in amministrazione, mi sono messa in contatto con il servizio approvvigionamenti del nosocomio, che a sua volta si è messo in contatto col supermercato. Così sono arrivati 400 kit per i pazienti».

Dalla paura di morire al bene ricevuto

Il giorno dopo, «quando ho visitato il paziente e l’ho aiutato a lavarsi i denti, a mettere il dentifricio sullo spazzolino – aggiunge la dottoressa – ho visto un’altra espressione sul suo viso, ribaltata. Dall’essere piegato dalla paura di morire ad essere “spostato” su un altro piano: quello del bene che gli è stato voluto, attraverso quel piccolo gesto»

“Non era più lotta contro il virus”

Ma questa benevolenza «non è finita così». La catena della solidarietà si è moltiplicata. In amministrazione sono giunti sacchetti con spazzolini, salviette, e dentifrici, donati dallo stesso personale ospedaliero. «Non era più la lotta contro il virus, ma la commozione davanti all’umano».


BOLIVIA

Leggi anche:
Covid, novità per la messa: torna il coro e niente distanziamento tra parenti


CHILD, PROTECTIVE, MASK

Leggi anche:
Bambini e Covid-19: quali sono le misure di prevenzione realmente efficaci?


NEWBORN

Leggi anche:
Donare latte materno: un atto d’amore sicuro anche in tempo di Covid

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
coronaviruscovidpandemia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni