Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Chiesa

«Il Papa emerito pensa alla morte e si sta preparando all'incontro con Dio»

PAPIEŻ BENEDYKT XVI

SVEN HOPPE / DPA / dpa Picture-Alliance via AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 21/08/20

Monsignor Georg Gäenswein e le giornate di Ratzinger che oggi ha 93 anni e sta ancora combattendo con una infezione al viso

«Il Papa emerito Benedetto XVI pensa alla morte e si prepara alla morte». È chiaro che un uomo di 93 anni «pensi a questo».  E’ trascorso qualche anno da quando Monsignor Georg Gäenswein parlava in questi termini di Joseph Ratzinger.

Il Papa si era ritirato nel 2013 a vita privata e le sue condizioni di salute erano ancora buone. Gaenswin, suo Segretario particolare, lo raccontava al programma “La strada dei miracoli” (Rete4, 14 aprile 2015). «Ne abbiamo parlato diverse volte il Papa ed io – proseguiva monsignor Georg –  nonostante lui sia una persona molto discreta e riservata. La sua è un’arte cristiana…perché prepararsi alla morte vuol dire prepararsi all’incontro con Dio e questo è un incontro decisivo».

© DANIELE COLARIETI/CPP
September 24, 2006: Pope Benedict XVI and his personal aide Rev. Georg Gaenswein during the Angelus in his summer palace in Castel Gandolfo, on the outskirts of Rome.

I libri che preferisce leggere

Sempre in quei giorni, in un’intervista a La Repubblica (16 aprile 2015)monsignor Georg descriveva le giornate tranquille di Ratzinger.

«Ama i teologi, ma anche le biografie. A volte si concede letture su tematiche inerenti fede e ragione, ma anche Balthasar in relazione con Rahner, De Lubac, insomma i teologi che conobbe al tempo del Concilio. Ci sono anche libri di storia che gli piacciono. Nel Monastero ha la grande libreria che aveva prima nell’appartamento in piazza della Città Leonina e poi nel palazzo apostolico. I libri sono tutti nella medesima posizione di un tempo». 

Benedetto “minuto per minuto”

Le sue giornate, ricordava il Segretario, iniziano alle 7.45 con la messa nella cappella. «Di solito io concelebro, se non posso chiamo un sacerdote amico. Ci sono sempre anche le Memores che abitano nel Monastero e ci aiutano nelle faccende di casa come già nel palazzo apostolico. La messa, come la preghiera successiva, si svolge lentamente».

Papa Benedetto è «molto ordinato e metodico». Dopo il breviario fa colazione. Quindi si dedica alla corrispondenza privata «che è addirittura cresciuta negli ultimi tempi, allo studio». Tre o quattro volte alla settimana, a fine mattinata, riceve ospiti.

La passeggiata dopo pranzo

Alle 13.30 c’è il pranzo, spiegava ancora il Segretario particolare nel 2015, «e dopo fa alcuni giri a piedi sul piccolo terrazzo del Monastero. Poi riposa e il pomeriggio alle 16.15, quando il tempo lo consente fa una passeggiata pregando il rosario nei giardini. Dal Monastero va alla grotta di Lourdes, quindi verso la Torre di san Giovanni, e poi di nuovo indietro». 

«Fatica un po’ a camminare – evidenziava, infine, monsignor Georg – perché, come ripete lui stesso, le gambe non sono più quelle di una volta. Si aiuta con un deambulatore, lo preferisce a un bastone. Si sente più sicuro e più stabile. Dopo la passeggiata studia ancora e legge. Alle 19.30 cena, quindi guarda il Tg1, e dopo si ritira in cappella per la compieta».

Dopo cinque anni sono cambiate molte cose

Da allora sono trascorsi cinque anni e sono cambiate molte cose. Ratzinger, finchè ha potuto, ha provato a mantenere queste abitudini, ma l’età e il peggioramento della sua salute, pesano sempre più. Dal deambulatore ormai si muove solo in carrozzella, e la giornata è scandita dalla preghiera, senza troppi spostamenti. Nelle ultime settimane è anche affetto da una infezione al viso, che lo sta debilitando e procurando molto fastidio. Ma stando alle ultime dichiarazioni di monsignor Georg, «non corre pericolo di vita».

Soffre in silenzio il Papa emerito. L’incontro con Dio non gli fa paura, ed è pronto ad accoglierlo con serenità, come ricordava il segretario. Sono passati cinque anni e questa certezza non è stata mai scalfita.


BENEDYKT XVI

Leggi anche:
Ratzinger non corre pericolo di vita. “Migliora il fuoco di Sant’Antonio”


POPE BENEDICT XVI

Leggi anche:
13 cose che vi sorprenderanno di Joseph Ratzinger


BENEDYKT XVI, GEORG RATZINGER

Leggi anche:
È morto Georg Ratzinger, il fratello di Benedetto XVI

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
papa benedetto xvi
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni