Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 24 Ottobre |
San Luigi Guanella
Aleteia logo
home iconArte e Viaggi
line break icon

La sorprendente storia della Grande Bibbia di Chiaravalle

Bibliothèque virtuelle de Clairvaux I Facebook

Voluta da san Bernardo sobria ed essenziale, la Grande Bibbia di Chiaravalle è un manoscritto eccezionale.

Bérengère Dommaigné - pubblicato il 20/08/20

In questo 20 agosto, memoria di san Bernardo di Chiaravalle, Aleteia vi propone di scoprire la Grande Bibbia che egli ha fatto realizzare nell'abbazia di Chiaravalle, retta dal santo fino alla di lui morte (sopraggiunta nel 1153). Digitalizzata dal 2015, questa Bibbia è straordinaria a più di un titolo, perché rappresenta l'esempio più chiaro di uno stile “monocromo” e decorativo unico nel suo genere.

Percorrendo le sottili pagine della Grande Bibbia di Chiaravalle, ornata da siffatti capilettera, come non immaginarsi anche solo per un istante i monaci che dedicano lunghe ore di intere vite alla copia delle Sante Scritture? Come non immergersi nella formidabile avventura che fu quella delle abbazie cistercensi? Quella di Clairvaux, in particolare, fu fondata nel 1115 da Bernard de Fontaines, quello che il mondo avrebbe conosciuto per sempre come Bernardo di Chiaravalle, il quale l’avrebbe retta fino alla morte (1153). Essa è la terza figlia di Cîteaux, uno dei grandi centri monastici della cristianità medievale, da cui dipendevano alla fine del Medioevo 530 altre abbazie in tutta Europa. I monaci di Chiaravalle non abbattono alberi nella foresta e non vanno nei campi per la mietitura: lavorano nell’abbazia, nello scriptorium, non lontano dalla chiesa abbaziale in cui devono recarsi sette volte al giorno per cantare i salmi. Essi vi copiano e ricopiano instancabilmente i libri santi e le grandi opere della letteratura classica, testi greci e latini. Se la tradizione benedettina vuole che la calligrafia sia ricca d’oro, di disegni e di colori, Bernardo di Chiaravalle sarebbe intervenuto per proporre un nuovo stile, chiedendo che i manoscritti traducessero graficamente l’ascesi della condizione monastica.

2.400 pagine in sei volumi

È in questo contesto che fu completato verso il 1160 il libro più bello e più monumentale di Chiaravalle: la Grande Bibbia. Composta di sei volumi e di 2.400 pagine, essa ha richiesto per essere realizzata circa 600 pelli ovine intere (il “folio” ricavato da una pelle veniva piegato soltanto in due, quindi ogni pelle realizzava “soltanto” quattro pagine di manoscritto). La sua originalità però non si ferma alle dimensioni perché, conformemente alle prescrizioni di san Bernardo e in rottura con lo stile miniaturistico romano tradizionale, essa è un puro esempio di “stile monocromo”. Niente oro né rappresentazioni figurative (uomini, animali, mostri…) in queste pagine: sono invece privilegiati i motivi geometrici, vegetali e soprattutto la monocromia. E così le 160 capitali maiuscole che fanno da capilettera di paragrafi sono tutte di un solo colore (ciascuna): rosso, verde o (principalmente) blu. Le lettere decorate costituiscono vere opere d’arte: gli artisti che le hanno realizzate hanno inventato una grande varietà di decorazioni gemoetriche e floreali, in gradazioni molto ricercate e sottilmente applicate.

©-Grand-Troyes-cliche-P.-Jacquinot

Dopo la morte di san Bernardo, nel 1153, i suoi successori avrebbero proseguito l’opera del fondatore facendo della biblioteca di Chiaravalle, in meno di un secolo, una delle più grandi d’Occidente. Essi sarebbero però tornati, poco a poco, a una decorazione più ricca dei loro manoscritti. Confiscati all’Abbazia durante la Révolution, cinque dei sei volumi originali sono stati da allora ritrovati, e gli archivi e la biblioteca di Chiaravalle hanno potuto digitalizzarli nel 2015 in occasione dei 900 anni dalla fondazione dell’Abbazia. Essi possono quindi essere scoperti sul sito della biblioteca virtuale. Una bella occasione per familiarizzarsi con questo capolavoro e toccare con mano l’incredibile creatività dei monaci copisti.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
manoscritti antichimedioevomonachesimomonaci
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
2
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
3
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
medjugorje
Gelsomino Del Guercio
Cosa sono i “segreti” di Medjugorje? Che messaggi nascondono?
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
ANGELICA ABATE
Annalisa Teggi
Quando il miracolo non è la guarigione ma una voce innamorata del...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni