Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 24 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
home iconSpiritualità
line break icon

Il paradosso del burrito: una riflessione sul potere di Dio

BURRITO

Samuelfernandezrivera | Pixabay

Padre Patrick Briscoe - pubblicato il 20/08/20

Un sacerdote Domenicano prende spunto da Homer Simpson per affrontare il tema dell'Onnipotenza.

“Gesù potrebbe scaldare un burrito nel microonde al punto da non riuscire a mangiarlo neanche lui?” (Homer Simpson)

Non c’è niente come il ripieno incandescente di un burrito o della salsa rovente di una pizza surgelata per pensare al potere di Dio. Ritengo che sia impossibile per i semplici mortali mangiare uno dei due senza distruggersi il palato. Ma sto divagando…

Avete forse sentito la domanda di Homer posta in un altro modo: Dio potrebbe creare una pietra tanto pesante da non riuscire a sollevarla? Una sinfonia così forte da non riuscire a sentirla? Una luce così brillante da non poterla guardare? Che abbiate sentito la domanda nella 13ma stagione de I Simpson o abbiate riflettuto su una qualsiasi delle sue varianti, è davvero una questione filosofica seria.

Cos’è in gioco? Beh, i cristiani credono che Dio sia onnipotente, ovvero che abbia tutto il potere. Se ci fosse qualcosa che Dio non può fare, questo non limiterebbe il suo potere? Non significherebbe che Dio non è onnipotente? E se non fosse onnipotente sarebbe davvero Dio?

I filosofi cristiani sostengono in genere che l’onnipotenza significhi che Dio può fare tutte le cose possibili, ovvero che se qualcosa è impossibile non può essere fatto, indipendentemente dal soggetto che agisce. Proteggere la vita umana in ogni stadio in America è una cosa possibile. Si può fare. Fare dei quadrati rotondi o che 2+2 dia 5 no.

Non sorprende, allora, che Tommaso d’Aquino dica “Così tutto ciò che non implica contraddizione è contenuto tra quei possibili rispetto ai quali Dio è detto onnipotente; tutto ciò che invece implica contraddizione non rientra sotto la divina onnipotenza, in quanto non può avere la natura di cosa possibile” (Summa Theologiae, I, q. 25, a. 3). Il potere di Dio è più grande di quello di qualsiasi cosa creata.

Il potere divino, infatti, è superiore a quello di tutte le creature create messo insieme. Come sostiene la Scrittura, “nulla è impossibile a Dio” (Luca 1, 37). Riconoscendo allora il vero significato del termine “onnipotenza”, potremmo interpretare questo versetto come “Nulla che sia impossibile è impossibile a Dio”. L’Aquinate conclude quindi con la giusta osservazione per la quale è meglio dire che una cosa del genere non può essere fatta affatto piuttosto che suggerire che Dio non la possa fare.

Non tutti hanno seguito la tradizione occidentale classica. Cartesio, ad esempio, arriva a dire che “Dio potrebbe aver fatto sì che non fosse vero che quattro per due fa otto”. In base a questa linea di pensiero, un essere onnipotente sarebbe in grado di rendere vere le contraddizioni (e allora il paradosso del burrito si dissolverebbe). Dio potrebbe rendere un burrito troppo caldo per poter essere mangiato e poi potrebbe mangiarlo.

In risposta al pensiero di Homer, un sito web suggerisce qualcosa come la risposta cartesiana: “Se credi in Gesù come il Figlio di Dio che ora vive in Paradiso, allora può fare tutto – quindi sì”. Il problema è che questa esaltazione della supremazia del volere di Dio al di sopra dell’ordine reale delle cose mina l’integrità metafisica che ha impartito alla creazione. Come suggeriva San Tommaso prima di noi, sarebbe meglio dire “Gesù può fare tutte le cose possibili”.

Dio rimane supremamente libero, e ordina l’universo in base alla sua volontà e al suo potere illimitato. Dio non pecca, e non inverte i suoi decreti universali. Nessuno di questi limita la sua perfezione. Lo stesso vale quindi per il paradosso del burrito. Ritenere qualcosa intrinsecamente impossibile non offende in alcun modo il potere di Dio, né implica un’imperfezione della sua estensione.

Tags:
dio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
BIBLE
Patty Knap
Se soffri d’ansia, devi conoscere il consiglio più ripetuto nella...
7
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni