Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 24 Marzo |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Non tutti profumano: sapete cosa è l’olezzo dei santi?

simeone-stilita-vecchio.jpg

Testus - Public domain

Simeone stilita, il monaco "puzzolente" morto in fama di santità.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 12/08/20

Da Giovanni della Croce a Simeone il Vecchio: quando l'odore di santità si sostituisce a puzze insopportabili

Mentre i santi, normalmente, mandano “buon odore”, la devozione popolare riporta che sono piuttosto i demoni a puzzare. Tuttavia, nella tradizione della Chiesa, vi sono alcune figure che sembrano sottrarsi a questa consuetudine. Lo spiega Anne Lecu nel suo libro “Mi hai unto con un profumo di gioia” (edizioni San Paolo).

Le mutilazioni di Origene

Così, alcuni Padri hanno suggerito un certo disgusto di sé per lottare contro le passioni, cosa che può spingersi anche fino a una cattiva comprensione dell’incarnazione stessa: le mutilazioni che Origene il Grande, padre della Chiesasi inflisse, condussero alla sua scomunica. Alcuni santi poi hanno anche subito degli odori pestilenziali.

La fogna di Giovanni della Croce

È il caso di san Giovanni della Croce, che fu imprigionato dai suoi confratelli nel dicembre 1577 in quella che era stata una fogna! E fu proprio là, immerso in quel tanfo, che egli compose il suo più bel poema, noto come il Cantico spirituale.

San Giovanni della Croce.
San Giovanni della Croce - AVERE UNA GUIDA "Colui che vuole restare solo senza il sostegno di un maestro e di una guida, è come un albero solo e senza padrone in un campo, i cui frutti, per quanto abbondanti, verranno colti dai passanti e non giungeranno quindi alla maturità".

Una puzza autoinflitta

E’ anche il caso del monaco siriaco Simeone stilita il Vecchio (Sis, 390 circa – Qal’at Sim’an, 2 settembre 459). La storia è sconcertante, perché questo insopportabile odore Simeone non lo subisce ma lo provoca, infliggendosi una disciplina per mezzo di una corda che penetra nella sua carne, al punto che la stessa carne finisce per ricoprirla e si infetta.

Agli inizi, si legge in “Mi hai unto con un profumo di gioia”, Simeone vive in comunità. In seguito alla penitenza che si infligge, i vermi cominciano a moltiplicarsi sul suo giaciglio e l’odore diffuso dal santo diviene completamente intollerabile per i suoi vicini. «Rimase, dunque, più di un anno con la corda arrotolata dentro il suo corpo a mangiargli la carne, in modo che la corda stessa era ricoperta delle carni imputridite e, a motivo del tanfo, non si poteva restare nei pressi»

Cacciato dal monastero

Viene dunque cacciato dal monastero su richiesta dei monaci che si lamentano con l’abate: «Esce dal suo corpo una puzza intollerabile, al punto che non gli si può star vicino e non possiamo più sopportarlo». Simeone stesso suggerisce al suo abate: «Sono un cane puzzolente. Lasciami, padre mio, ricevere la mia retribuzione, secondo i miei peccati».

Vive, dunque, da solo, in zone paludose; poi viene richiamato al monastero a motivo della sua fama di santità. Ma altrettanto presto torna alla vita eremitica. Visse sulla piattaforma di un pilastro, in ascesi, fino alla morte. 

La reputazione del santo

Il santo che fa questa esperienza, accetta che la propria reputazione sia disprezzata; accetta di essere sospettato di colpa grave e persino di complicità con il demonio; rinuncia alla propria rispettabilità, affinché il buon profumo di Cristo sia sparso fin giù, nell’obbrobrio.

Va, insomma, fino al fondo della logica del mistero pasquale, che confessa la morte di Cristo e la sua sepoltura. Simeone, come il suo Signore, si fa solidale con coloro la cui carne è divorata dai vermi, in nome della resurrezione della carne, che trascende ogni peggior distruzione.




Leggi anche:
Il profumo di San Giuseppe: il balsamo di Galaad, unguento prodigioso


JESUS

Leggi anche:
Dalla mirra al nardo: ecco quali sono i profumi di Gesù


PADRE PIO,MASS

Leggi anche:
I profumi di Padre Pio sono veri o sono suggestioni? Ecco cosa ne pensano i medici

Tags:
Santi
Top 10
See More