Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Il Triduo a Santa Chiara d’Assisi per ottenere una grazia speciale

St. Claire of Assisi relics at Assisi (Basilica di Santa Chiara)French:visage de Sainte Claire reconstruit scientifiquement d'après le calque du crâne(source:Protomonastère-Assise_1987)
© Wikipédia
Condividi

Affascinata dalla predicazione e dall’esempio di Francesco, Chiara volle dare vita a una famiglia di claustrali povere, immerse nella preghiera per sé e per gli altri: le Clarisse

L’11 agosto 1253, a San Damiano di Assisi, saliva in cielo Santa Chiara d’Assisi. Chiarà decise di seguire lo stile di vita serafico di San Francesco, dopo aver lasciato la sua famiglia nobile e un matrimonio combinato.

Affascinata dalla predicazione e dall’esempio di Francesco, Chiara volle dare vita a una famiglia di claustrali povere, immerse nella preghiera per sé e per gli altri: le Clarisse.

Chiara è una santa che si invoca per chiedere grazie speciali e personali attraverso un triduo, cioè un ciclo di preghiere da recitare ogni giorno, per tre giorni.

SANTA CHIARA ASSISI
Public Domain
Santa Chiara è stata la più importante figlia spirituale di San Francesco.

Triduo a Santa Chiara per ottenere Grazie

O Serafica Santa Chiara, prima discepola del poverello d’Assisi, che abbandonasti ricchezze ed onori per una vita di sacrificio e di altissima povertà, ottienici da Dio con la grazia che imploriamo (….) di essere sempre sottomessi al divino volere e fiduciosi nella provvidenza del Padre.

Pater, Ave, Gloria

O Serafica Santa Chiara, che pur vivendo segregata dal mondo non dimenticasti i poveri e gli afflitti, ma ti facesti loro madre sacrificando per essi le tue ricchezze e compiendo molti miracoli in loro favore, ottienici da Dio, con la grazia che imploriamo (….), la carità cristiana verso i nostri fratelli bisognosi, in tutte le necessità spirituali e materiali.

Pater, Ave, Gloria

O Serafica Santa Chiara, luce della nostra patria, che liberasti la tua città dai barbari devastatori ottienici da Dio, con la grazia che imploriamo (….), di vincere le insidie del mondo contro la fede e la morale conservando nelle nostre famiglie la vera pace cristiana con il santo timore di Dio e la devozione al Santissimo Sacramento dell’altare.

Pater, Ave, Gloria.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni