Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconNews
line break icon

Finanze del Vaticano: le controlleranno sei donne scelte dal Papa

POPE FRANCIS AUDIENCE

Antoine Mekary | ALETEIA

Papa Francesco ha aumentato sensibilmente la presenza delle lavoratrici in Vaticano.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 11/08/20

La nomina a sorpresa all'interno del Consiglio per l'economia. Affiancheranno laici e cardinali. Con il pontificato di Francesco sono aumentato di 600 unità le donne che lavorano per la Santa Sede

In Vaticano sono aumentate le donne impiegate, soprattutto ai piani alti. Non era mai capitato nella bimillenaria storia di Santa Romana Chiesa. La mattina di Capodanno papa Francesco, un po’ a sorpresa, aveva scandito: la donna «va pienamente associata ai processi decisionali» (Il Secolo XIX, 7 agosto).

Le nomine nel Consiglio per l’Economia

Il Consiglio per l’economia, composto da otto cardinali e sette laici, è stato istituito dal Papa nel 2014 nel tentativo di riformare le finanze e di appianare una serie di scandali finanziari che il Vaticano ha dovuto affrontare in passato.

Il Consiglio non ha mai visto la nomina di una donna da quando è stato costituito nel 2014. Ora Francesco ne ha nominate ben sei: la mossa più significativa che Papa Francesco abbia compiuto nel suo impegno a dare più ruoli di leadership alle donne nella Chiesa.

Chi sono le sei donne

Le sei donne nominate sono tutte europee e hanno alti livelli di competenza in materia bancaria, finanziaria, gestione patrimoniale e diritto internazionale. Includono l’ex ministro del Lavoro Ruth Kelly e l’ex tesoriere del principe Charles Leslie Ferrar, entrambi dal Regno Unito, Charlotte Kreuter-Kirchhof e Marija Kolak, entrambe dalla Germania, e Maria Concepción Osácar Garaicoechea ed Eva Castillo Sanz, entrambe dalla Spagna (Sputnik news, 8 agosto).

Numeri diversi tra Ratzinger e Bergoglio

La presenza femminile nel personale a servizio del Pontefice e della Santa Sede negli ultimi dieci anni è cresciuta sia in numero assoluto che in percentuale. Ma a imprimere una sterzata è il recente incremento in ruoli di rilievo.

Nel 2010, con Benedetto XVI, erano impiegate in Vaticano 4.053 persone, di cui 697 donne, circa il 17%. Nel 2019 invece, la Santa Sede e la Città del Vaticano assommavano insieme 4.618 dipendenti, di cui il 22% (1.016) donne.

POPE FRANCIS AUDIENCE
Antoine Mekary | ALETEIA

La nomina della Jatta

Un dato sottolineato da Vatican News riguarda «l’aumento del numero di occupate presso la Santa Sede, cioè la Curia romana con tutte le sue entità che aiutano il Papa nell’amministrazione della Chiesa universale».

Nel 2010 erano 385, nel 2019 649, «per cui la loro quota è passata dal 17,6 a più del 24%». Meno avanzata resta la situazione nell’apparato statale vaticano, dove la crescita è più lenta e interessa soprattutto le posizioni meno qualificate. Con un’eccezione d’impatto: dal 2016 Barbara Jatta è direttrice dei Musei Vaticani.

© M. MIGLIORATO / CPP
February 24 2016 : Dr. Barbara Jatta during the presentation of commemorative printing and artistic of the extraordinary Jubilee of Mercy, at the Barbara Jatta à la bibliothèque apostolique du Vatican

Le sottosegretarie di Francesco

Per quanto riguarda la Curia, il livello più alto raggiunto è di sottosegretario, che generalmente occupa il terzo posto nell’ordine gerarchico, dopo i prefetti o presidenti, e i segretari.

Francesco ha raddoppiato le sottosegretarie, da due a quattro. Su un totale di ventiquattro, cioè una su sei. E a gennaio, pochi giorni dopo il «proclama» di Capodanno, la scelta più importante: Francesca Di Giovanni è diventata sottosegretario nella Sezione per i Rapporti con gli Stati, nel centro nevralgico del Vaticano.




Leggi anche:
Il Vaticano che diventa “rosa”: ecco chi sono le donne scelte dal Papa




Leggi anche:
Il Papa nomina due donne alla Biblioteca apostolica vaticana e all’Aif


young beautiful woman

Leggi anche:
Il cristianesimo ha favorito l’emancipazione delle donne?




Leggi anche:
Musei vaticani, Jatta: mai nessuna discriminazione perché donna




Leggi anche:
Donne diacono? La posta in gioco

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
donne nella chiesa
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni