Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Quando la vita diventa difficile, rivolgetevi a Maria Condottiera

Wikipedia
Condividi

Un’antica icona, amata da Sant’Ignazio di Loyola, indica ancora la strada da seguire

Sii con noi, Maria, lungo la strada
Guida ogni nostro passo,
Conducici a Gesù, il tuo Figlio amorevole,
Vieni a noi, Maria, vieni.
Inno a Maria Condottiera

Mi sono imbattuta per la prima volta in lei ad Assisi dieci anni fa. Non ero ancora tornata nella Chiesa, ero in pellegrinaggio con degli amici cattolici e ho notato un’icona nella cappella di Santa Caterina d’Alessandria nella basilica inferiore di San Francesco. La posizione – Nostra Signora che tiene il Bambino Gesù – e lo stile artistico bizantino sembravano familiari. Non si trattava, però, di Nostra Signora dell’Aiuto Perpetuo, come avevo pensato inizialmente. Una placca mi ha informata che si trattava di Maria, Madre di Dio, Condottiera.

Maria, Madre di Dio, Condottiera? L’idea mi affascinava.

Un testo informativo traduceva Condottiera come “Guida”, e ho notato che questa immagine si basava su un’antica icona di Maria nota in Oriente come Madonna Odigitria, “colei che indica la strada”, e mostra Maria che tiene in braccio o tiene accanto a sé Gesù Bambino, con una mano che Lo indica come la Via.

Public Domain

Il percorso di un’immagine

Secondo la tradizione, l’icona originale dell’Odigitria era uno dei ritratti attribuiti a San Luca. Portata dalla Terra Santa a Costantinopoli dalla moglie di un imperatore, vi era esposta in un monastero costruito per ospitarla.

Questa immagine venerata scomparve durante la caduta dell’Impero bizantino. Nel X secolo, delle versioni del ritratto (secondo alcuni basate su una sezione tagliata via dall’icona originale) hanno iniziato ad apparire sia in Russia che in Italia. In Russia hanno influenzato la composizione dell’amata icona della Madonna della Tenerezza.

In Italia, una delle prime immagini dell’Odigitria ad essere venerata è stata l’icona nota come Salus Populi Romani (Salvezza del Popolo Romano), esposta nella basilica di Santa Maria Maggiore. Come in molte versioni occidentali, Maria non indica con la mano, ma presenta il Bambino al nostro sguardo.

Oggi questa icona viene visitata e venerata da Papa Francesco prima e dopo i suoi viaggi fuori Roma. Egli chiede le sue preghiere perché lo accompagnino nel suo percorso, e la ringrazia per essere poi tornato sano e salvo.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni