Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Riappare dopo 10 anni l’immagine della Madonna di Guadalupe a Monterrey

MONTERREY
Condividi
Erano dieci anni che era scomparsa dal luogo in cui nel 1990 San Giovanni Paolo II l’aveva benedetta nella sua seconda e ultima visita alla città messicana di Monterrey, nello Stato settentrionale di Nuevo León.

Nessuno sapeva dove fosse dopo che l’uragano “Alex” se l’era portata via tra i suoi venti e la sua pioggia. Le autorità l’avevano cercata con lo scanner, e non era una piccola struttura metallica, ma una statua di metallo alta dodici metri e larga tre della Vergine Maria nella sua invocazione di Guadalupe, la “morenita” tanto amata da Papa Wojtyła.

L’ha trascinata via “Alex”, l’ha scoperta “Hanna”

È passato del tempo, e la gente ormai la dava per persa. Si era spezzata? Era caduta sul letto del vicino fiume Santa Catarina, che si riempie d’acqua solo quando si verifica questo tipo di eventi a Monterrey? Questa ipotesi era la più plausibile. Dove poteva essere?

MONTERREY
Twitter | @mtygob

Per chi non li ha mai sperimentati, è difficile conoscere la forza dei venti di un uragano. “Alex”, che ha colpito Monterrey nel giugno 2010, spazzava via tutto fino a 175 chilometri all’ora.

È stato un uragano di categoria 2, che ha provocato 51 morti in America Centrale e poi nel Sud del Texas e nel Nord del Messico.

Quasi dieci anni dopo, il 26 luglio, le strade di Monterrey sono state inondate dall’uragano “Hanna”, già declassato a tempesta tropicale. I venti sono stati deboli, ma la pioggia intensa.

MONTERREY
Twitter | @mtygob

Secondo i resoconti delle autorità della Protezione Civile, sono caduti a Monterrey fino a 564 millimetri di pioggia in 48 ore, circa l’80% della pioggia che cade in tutto l’anno nella città, la terza più grande del Messico.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni