Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

La città di Venezia, per non essere sommersa, si è affidata a un potente arcangelo

WENECJA, ZABYTKI
Condividi

Nella Sacra Scrittura, Raffaele si contrappone al Demonio Asmodeo che è “colui che fa morire”. E in questa battaglia contro il demone che rientra la protezione della città lagunare

Una importante città italiana è da secoli consacrata ad un potente arcangelo taumaturgo. Che in questo caso è invocato come protettore delle maree. Si tratta di Raffaele. 

In ebraico Raphà-el vuol dire “Dio ha guarito” e infatti, come ogni spirito buono celeste, Raffaele nega decisamente qualsiasi merito personale: Egli è strumento di Dio per la guarigione.

La radice di base del suo nome sta a indicare assai di più di una semplice guarigione fisica; comprende qualsiasi tipo di riparazione e di aggiustamento e implica una trasformazione in meglio per quanto riguarda sia il corpo che la mente. Nella Sacra Scrittura, Raffaele si contrappone al Demonio Asmodeo che è “colui che fa morire”.

RAPHAEL
Public Domain
L'arcangelo Raffaele.

Il miracolo della vista a Tobi

L’Arcangelo compare innumerevoli volte nel libro vetero-testamentario di Tobia che narra una complessa storia familiare che ha per protagonista un uomo profondamente buono, Tobi, rimasto cieco e al quale, dopo una serie di peripezie che coinvolgono suo figlio Tobia, l’Angelo Raffaele restituisce la vista “perché con gli occhi vedesse la luce di Dio”.

Origene, filosofo e teologo greco, scrive che l’Arcangelo Raffaele: “A causa dei suoi poteri taumaturgici è raffigurato da alcuni come un serpente; appare insieme cori Michele e Gabriele per guarire Abramo, cura perfino i mali spirituali”.

Patrono dei viaggi

Raffaele, per aver guidato Tobia nel suo lungo viaggio, è considerato patrono dei viaggi per terra e per mare. A Venezia, nell’angolo del Palazzo dei Dogi, del secolo XIV, è raffigurato con un rotolo in mano, dove si legge: “Effice fretum quietum” (rendi il mare tranquillo).

In quell’epoca si ritenevano i diavoli come suscitatori di tempeste di mare e i naviganti di Venezia si raccomandavano all’Arcangelo Raffaele che aveva vinto il demone Asmodeo e anche il diavolo Azazel. Dal 1400 in poi, i viaggi si fanno più numerosi e le raffigurazioni di San Raffaele diventano più frequenti e viene rappresentato come pellegrino, con borsone, borraccia, tasca pane e, come attributi più specifici, il pesce ed un vaso con la medicina.

SANTA MARIA DELLA SALUTE
Pxhere

La società nata a Genova

Va menzionata la società di San Raffaele per la protezione degli emigranti, nata a Genova nel 1868 e diffusasi poi in America e in molte nazioni europee: “Proteso nel volo a precipizio attraverso il vostro etereo cielo fra mondi e mondi egli naviga, e con le ali tese ora si libra sui venti polari, ora con piume rapide batte l’aria cedevole”.

Così il celebre poeta inglese John Milton nel “Paradiso perduto” descrive l’Arcangelo Raffaele.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni