Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giuseppe Cafasso
home iconCultura
line break icon

“Essere diverso è quello che ti rende speciale”

Facebook / Bradesco

Catholic Link - pubblicato il 05/08/20

Il corto toccante che mi ha ricordato che per Dio tutti valiamo

di Nory Camargo

Essere affetti dalla sindrome di Down in una società che giudica e punta il dito contro tutto è molto difficile, e purtroppo i bambini possono diventare molto crudeli quando si trovano davanti a qualcuno che è “diverso”.

Ma perché la prima reazione è il rifiuto? Perché cerchiamo di allontanarci anziché di avvicinarci? Perché anche ai bambini manca la compassione?

Questo video è perfetto per ricordare che tutti valiamo, indipendentemente dal fatto di avere la sindrome di Down, di non avere una gamba o un braccio, dal fatto di avere il colore della pelle diverso o qualche disabilità. Tutti valiamo perché siamo figli di Dio.

Tutti abbiamo una luce propria

Accettare le nostre differenze, la nostra malattia o anche il nostro aspetto fisico non è facile come sembra. Si parla molto dell’importanza di sentirsi sicuri di se stessi, di amarsi per come si è e di avere una buona autostima, ma molto poco del fatto che tutta questa rivoluzione di carità e amore inizia in casa.

Perché è tanto difficile guardare chi è diverso con amore e compassione? Perché è tanto complicato mettersi nei panni dell’altro? Perché è una sfida comprendere che ciascuno ha una luce propria? Quanto è importante non solo sforzarsi di avere più carità nei confronti di chi ci circonda, ma anche allevare figli compassionevoli! Bambini capaci di mettere a tacere lo scherno e di offrire invece una mano, un abbraccio o un sorriso!

Non abbiate paura di essere diversi! Non dobbiamo aver paura di mostrare agli altri chi siamo o di essere i primi a rifiutare la crudeltà. Per Dio siamo tutti uguali, tutti valiamo, tutti brilliamo. Chiediamoci quando è stata l’ultima volta che abbiamo aiutato qualcuno, che abbiamo avuto il coraggio di difendere un’altra persona o di denunciare un’ingiustizia.

Qui l’articolo originale pubblicato su Catholic Link.

Tags:
cortometraggidiversitàsindrome di down
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni