Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Gregorio Barbarigo
home iconFor Her
line break icon

Una casa di ombrelli rotti nel caldo torrido di agosto

HOMELESS,

Jim Lambert | Shutterstock

Chiara Bertoglio - pubblicato il 03/08/20

Da piccoli amavamo scegliere uno spazio tutto nostro da "arredare" con fantasia per giocare "alla casa". Ma c'è purtroppo chi vive sul serio così, accampato in strada tra l'afa e le mosche...

Da bambina era uno dei miei giochi preferiti, “la casa”. In montagna mi ero ricavata uno spazio tutto mio sotto il balcone della cucina. Mia mamma, giustamente, non capiva per qual motivo trascorressi delle ore sotto un balcone quando c’era un intero prato per giocare. Aveva ragione, naturalmente; ma ricordo anche quanto mi piacesse avere quell’angolino tutto per me, “arredato” con quello che ero riuscita a trovare, e in cui trascorrevo ore a leggere, scrivere, pregare e sognare.

Domenica scorsa, qui a Francoforte, si moriva di caldo. Un’afa insopportabile, temperature tropicali, e la prospettiva di trascorrere una giornata in una cameretta del sottotetto cercando di studiare la sintassi tedesca. No, decisamente non si può. Cerco su internet, e scopro che c’è – nonostante sia una domenica d’agosto – una biblioteca aperta. Deciso. Ci vado.
All’ingresso della biblioteca c’è un bambino molto cresciuto che evidentemente gioca a sua volta “alla casa”. Ha raccolto sei o sette ombrelli e li ha uniti insieme, facendone un igloo. Da un pertugio si affaccia il suo volto: rugoso, stanco, con uno sguardo penetrante ma forse anche un po’ folle. Ciò che più colpisce sono i nugoli di mosche che circondano la sua “casa”.
E mi chiedo che responsabilità abbia una società (cioè io, te, noi tutti) che permette che i suoi figli “giochino alla casa” in un igloo di ombrelli rotti circondato da un’aureola di mosche mentre l’agosto delle ferie e del relax si affaccia alla porta.


ELEMOSINA, POVERO, CLOCHARD

Leggi anche:
Il tempo di un sorriso mi chiedevano quegli occhi, non un’elemosina veloce

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA CHIARA BERTOGLIO

Tags:
estatepoverisenzatetto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni