Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconCultura
line break icon

Scoperto un relitto dell’VIII sec. con simboli cristiani e islamici

Ma‘agan Mikhael B

Oren Rozen | CC BY-SA 3.0

J.P. Mauro - pubblicato il 30/07/20

L'equipaggio era forse composto da fedeli di varie religioni, un raro esempio di unità interreligiosa antica

Uno studio su un relitto dell’VIII secolo sulle coste di Israele ha offerto agli esperti molte informazioni sulla costruzione delle antiche imbarcazioni mediterranee e sull’interazione interreligiosa. Noto come Ma’agan Michael Ship, il sito è stato scoperto nel 1985, ma gli scavi non sono ancora terminati.

Il Jerusalem Post riferisce che l’imbarcazione, che ha 1.300 anni, è affondata a neanche trenta metri dalla spiaggia. I resti del carico sono ancora intatti, e offrono sei diversi esempi di anfore, due delle quali le prime del loro tipo ad essere state scoperte finora. Si è determinato che gli oggetti sono di origine bizantina o islamica.

L’imbarcazione è un esempio fondamentale di “costruzione cominciando dal guscio”, che Deborah Cvikel, autrice di entrambi i documenti accademici relativi al naufragio, ha riferito al Jerusalem Post avrebbe impiegato giunture e sostegni per tener insieme la nave. Questo tipo di costruzione è notevolmente diverso dalla “costruzione cominciando dallo scheletro” del V e VI secolo, mostrando lo sviluppo dei metodi dell’epoca. La Ma’agan Michael Ship contiene anche l’unico esempio di àncora lignea a un braccio solo piena di piombo.

La presenza di elementi commerciali degli imperi sia cristiano che islamico ha sfidato la nozione che il commercio tra queste due culture fosse limitato. Ulteriori esami hanno scoperto una varietà di simboli cristiani accanto al nome di Allah iscritti sia sul legno dell’imbarcazione che sul vasellame rinvenuto al suo interno.

È proprio per questa fusione di simboli religiosi che gli archeologi che studiano i resti della nave non sono in grado di stabilire se l’equipaggio fosse cristiano o musulmano. Se era misto, la nave potrebbe essere un primo esempio di unità interreligiosa nel mondo antico.

Visitate il Jerusalem Post per leggere tutta la storia, o consultate il rapporto degli archeologi qui.

Tags:
dialogo interreligioso
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni