Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Dialoghi di consultorio su un errore di gioventù

SAD WOMAN
pixelheadphoto digitalskillet - Shutterstock
Condividi

Una giovane donna racconta la sua storia

“Quando avevo 17 anni ho commesso l’errore di acconsentire ad avere rapporti sessuali con quello che era il mio ragazzo. Ero molto innamorata e sicura della sua promessa di matrimonio. All’improvviso, però, il rapporto è terminato in modo brusco, lasciandomi con un tremendo senso di tristezza, paura e colpa.

Ero giovane e mi sono ripresa. Ho pensato che quell’esperienza triste non mi avrebbe impedito di trovare l’amore vero, e quindi non ho perso la speranza.

Stavo terminando l’università quando ho conosciuto un ragazzo. È nata una storia sincera, per cui ho ritenuto fosse giusto rivelargli il mio errore di gioventù. È stato doloroso vederlo sconcertato e rattristato. Poi, semplicemente, è scomparso dalla mia vita.

Oggi, a 25 anni, l’amore è tornato a bussare alla mia porta, e mi propongo di nascondere per sempre quell’errore del mio passato. Temo che essendo di nuovo sincera potrò soffrire di nuovo; correndo il rischio posso vedere un uomo che può rendermi felice allontanarsi da me”.

“Hai pensato ai pro e contro del fatto di prendere una decisione o l’altra?”, le ho chiesto.

“Visto che non sono rimasta incinta è una cosa che potrei nascondere”.

“Conosci qualcuno che non si pone questo problema?”

“Sì, ho amiche che hanno equiparato il fidanzamento alla conoscenza intima, anzi, alcune hanno già avuto varie relazioni, tutte instabili, e nonostante questo non sembrano preoccupate”.

“Il fatto che non sembrino preoccupate non significa che dentro di loro non lo siano”, ho commentato.

“Sì, ci ho pensato, perché chi vive così, che lo voglia o meno, oltre a rischiare una malattia a trasmissione sessuale lascia nelle reti sociali una traccia incancellabile dalla sua vita.

Il marito della sorella di un’amica, già felicemente sposata, è venuto a conoscenza del suo passato attraverso le reti sociali”.

“Hai paura di questo?”

“Forse… Penso che con quello che era il mio fidanzato ho avuto delle sfaccettature a me sconosciute. E forse c’è una remota possibilità che le riveli”, ha proseguito titubante.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni