Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Marciano di Siracusa
home iconSpiritualità
line break icon

Vi chiedete mai cosa pensa Gesù di voi?

WOMAN IN DOUBT

Di BONNINSTUDIO -Shutterstock

Catholic Link - pubblicato il 29/07/20

Spesso ci preoccupiamo solo di quello che gli altri pensano di noi

di Sandra Estrada

Come mi vedranno gli altri? Credo che sia una domanda che in fondo ci poniamo tutti, ed è valida. Vogliamo essere accettati da chi ci circonda. Abbiamo un innato desiderio di armonia che vogliamo mantenere, ma fino a che punto ci aiuta o ci schiavizza?

Viviamo costantemente sotto lo sguardo di chi ci circonda: genitori, fratelli, amici, followers, colleghi di lavoro o di scuola, partner…, e questi sguardi sono come ombre con cui ci paragoniamo costantemente o sentiamo di deludere.

Abbiamo la sensazione di non bastare o di non soddisfare le aspettative, e se lo pensiamo sono sguardi che derivano dall’infanzia, con compagni che ci davano fastidio o professori che ci hanno umiliato, o dall’attualità, con commenti o discussioni che abbiamo in casa o con gli amici. Ma perché continuiamo a farcene carico se non sono nostri?

Quello che gli altri pensano di me vs quello che sono in realtà

Se mettiamo la cosa in prospettiva, quello che gli altri pensano o sentono è una loro percezione. Non è nostra responsabilità far sì che Tizio o Caio ci veda come siamo realmente.

E come dovremmo guardarci? Con amore. Gli sguardi pieni di paure, risentimenti, colpa, impazienza, sono quelli che a volte chiamiamo “sguardi a corto raggio”, che non vedono completamente. L’amore è lo sguardo perfetto: non mente, non fa male, non getta pesi sulle nostre spalle, al contrario ci libera e ci aiuta ad essere più noi stessi, imparando a integrare tutto quello che siamo.

Ma mi chiedo: non è lo sguardo degli altri che ci aiuta a capire cosa dobbiamo cambiare? Sì, Cristo ci chiama a lasciarci accompagnare e guidare, ma non da una guida qualunque, ma da quella dell’amore. E tuttavia ci lasciamo schiavizzare dalle opinioni soggettive degli altri.

Ci fanno sentire pesanti e timorosi di fallire, costantemente insoddisfatti di noi stessi. È capitato anche a voi?

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
gesù cristo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni