Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Sacerdote eremita registra musica dall’isolamento

Condividi

Il musicista suona abilmente ogni strumento, adattandolo alle sue orecchiabili melodie cattoliche

Padre Maximilian Mary Dean, un eremita francescano che vive in reclusione nell’Appalachia, nella Pennsylvania del centro-sud, ha affinato le sue abilità musicali per metterle al servizio della sua vocazione. Padre Dean usa il suo tempo per comporre e registrare il suo marchio personale di rock cattolico, immerso nello stile rock classico degli anni Sessanta-Ottanta, con un ottimo equilibrio tra lo stile liturgico e quello secolare.

Musicista da una vita, padre Dean annota nella sua autobiografia i tanti gruppi in cui ha suonato alle scuole superiori e all’università, esibendosi con vari strumenti, come chitarra, basso, tastiera, batteria, armonica e perfino sassofono. Quando era una matricola universitaria ha sperimentato quella che descrive come una “grande conversione”, che lo ha messo sulla via del sacerdozio.

Si è quindi trasferito all’Università Francescana di Steubenville, dove ha completato gli studi con una laurea in Filosofia ed è stato ordinato sacerdote cattolico nel 2000. Ha prestato le sue abilità musicali ai Frati Francescani del Rinnovamento dal 1992 al 1995, e in seguito ha guidato ministeri musicali per i Frati Francescani dell’Immacolata dal 1995 al 2017.

Il suo ultimo album, A Battle Cry Goes Out, solleva l’antica domanda: si possono usare gli strumenti contemporanei per la gloria di Dio? Sul suo sito web, il presbitero dice di sì:

“Ma c’è anche un luogo, perfino una necessità, per la musica non liturgia. Ad esempio, a un campo estivo, riuniti intorno a un falò, c’è sicuramente il posto per una chitarra, un tamburello e un battere le mani festosamente – canti di lode. In macchina, quando la mamma sta portando il figlio o la figlia a fare sport, due ore di canto gregoriano e polifonia sacra potrebbero non essere la musica più adatta all’occasione – anche tra gli eremiti e i padri del deserto c’è bisogno di eutrapalia”.

Tenendo questo a mente, padre Dean ha composto e prodotto un intero album di musica cattolica fedele adatto a un servizio ecclesiale come alla colonna sonora di sottofondo per un percorso panoramico. L’album è stato completamente registrato ed eseguito solo da padre Dean dal suo eremo. Nel video musicale per la canzone che dà il titolo alla raccolta si può vedere il monaco che registra ogni brano dalla sua umile casa.

La musica ricorda molti dei più grandi brani rock della fine del XX secolo. Padre Dean cita gruppi come Steely Dan, Supertramp e Huey Lewis tra coloro che lo hanno influenzato. Ci siamo innamorati di Come Holy Spirit, in cui esegue uno splendido assolo al sassofono. Sul suo sito web, padre Dean dice che non è mai stato il massimo al sax, ma il risultato dimostra solo la sua modestia. Ci sono anche splendidi assolo alla chitarra che potrebbero benissimo reggere il confronto con i grandi del rock.

Made by the Lord è il nostro brano preferito nell’album. Con un ritmo blues e l’armonica, sarebbe perfetta per la Casa del Blues, compreso un assolo alla chitarra che avrebbe fatto impazzire B.B. King.

In 47 minuti, l’album offre ottima musica per cattolici e musicisti di ogni genere, ed è disponibile su Spotify. Per ulteriori informazioni sulla splendida musica di padre Dean, visitate il suo sito web.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni