Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Fra’ Ñero, che porta la misericordia divina ai senzatetto colombiani

COLOMBIA
Condividi

Fra’ Gabriel Gutiérrez, protettore di migliaia di persone che vivono in strada, ha intensificato i suoi aiuti nel periodo della pandemia

La situazione dei senzatetto di Bogotà, la capitale della Colombia, è ben nota a fra’ Ñero, un francescano che si dedica a evangelizzare i più poveri per la strada, il “grande altare dov’è il Cristo vivo”.

Il religioso non sfugge da coloro che tutti allontanano per via del loro aspetto, e non teme quanti sono considerati delinquenti o vagano vittime delle droghe. Al contrario, li abbraccia, li consola, li assiste al momento della morte e porta loro cibo e parole di sostegno per sopportare il freddo, la solitudine e il rifiuto della società e delle proprie famiglie.

La sua preoccupazione più grande sono attualmente le 15.000 persone che passano la quarantena del coronavirus nelle fredde strade della capitale colombiana:

“Rivolgo un appello alle autorità, voglio sapere qual è il piano per assistere questi 15.000 esseri umani che vivono per strada durante la quarantena obbligatoria. I centri governativi non hanno la capacità per accoglierli tutti, molti sono malati e altri sono morti soli. È impossibile chiedere loro di usare le mascherine o di lavarsi le mani 4 o 5 volte al giorno”.

I lebbrosi del nostro tempo

Fra’ Gabriel Gutiérrez Ramírez, 63 anni, è nato in una famiglia di otto fratelli con grandi necessità economiche. 32 anni fa è stato ordinato sacerdote, e ha lavorato con la popolazione in zone colpite da narcotraffico, conflitto armato e povertà.

Oggi vive con la sua comunità al centro di Bogotà, ma da quando ha scoperto la sua vocazione i limiti del convento si sono estesi per lui, e si dedica a lavorare nei quartieri vicini con le persone che si rifugiano in parchi e canali, atri delle chiese e piazze, in condizioni di vulnerabilità, sfruttamento e povertà.

Fra’ Ñero arriva fin lì con i volontari della Fundación Callejeros de la Misericordia, dedicata a sostenere a livello pastorale venditori ambulanti, lavoratrici dell’industria del sesso, migranti, artisti di strada, afro-colombiani, comunità LGBTI e tutti gli esseri umani che si sono visti costretti o hanno deciso di andare a vivere nelle strade di quel settore di Bogotà.

Il 30 luglio di quest’anno si compiono 4 anni da quando il sacerdote ha scoperto questo fenomeno sociale e il dramma che racchiude la vita di strada.

“Nel 2016 sono sceso per la prima volta su una banchina e ho trovato una moltitudine di volti che riflettevano momenti crudeli della vita. Lì hanno iniziato a chiamarmi fra’ Ñero, che tra loro significa compañero, compagno, il che è un onore per me come sacerdote e come francescano”.

In generale, però, ñero è un termine dispregiativo per indicare una persona che vive per strada e fa danno, veste male o emana un cattivo odore.

Il religioso ha iniziato a portare loro cibo e medicinali ed è riuscito a guadagnarsi la loro fiducia. Ha quindi cominciato a studiare e a comprendere questo fenomeno, e a offrire una risposta partendo dal Vangelo e dal pensiero di San Francesco alla realtà che vivono “i lebbrosi del nostro tempo”.

La fondazione organizza per loro giornate sanitarie, celebra con loro il Natale, li aiuta a contattare i familiari, porta loro cibo, vestiti e la Parola di Dio, li sostiene nella riabilitazione, li assiste nelle necessità più varie e li aiuta a prepararsi all’inclusione sociale.

COLOMBIA
Fundación Callejeros de la Misericordia
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni