Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Spiritualità

Come affrontare la morte di una persona cara e una preghiera per la sua anima

MODLITWA

Ariwasabi | Shutterstock

Catholic Link - pubblicato il 25/07/20

di Pablo Perazzo

La morte è un tema dal quale quasi tutti vogliamo fuggire. Si presenta nella vita di molti di noi, e il dolore e la sofferenza che sperimentiamo o ci vediamo costretti a sopportare è così forte che possiamo arrivare a diffidare che si possa davvero vivere l’amore.

Più spazio occupa il dolore nel nostro cuore, più – apparentemente – l’amore si allontana dalla nostra vita. Abbiamo ascoltato mille volte, o forse noi stessi abbiamo detto: “Come può esistere un Dio buono e che ci ama se esistono tanto male e tanta sofferenza?” È per questo che tante persone si allontanano da Dio e Lo rinnegano.

1. Di fronte al dolore della morte, non perdere la speranza

Vi confesso di non credere che il problema sia solamente quello di credere o meno in Dio. Mi sembra che la radice sia un po’ più profonda, e che ferisca il nostro cuore in modo lacerante.

Il dolore per la morte di una persona cara, unito alle circostanze che relative a questa situazione – come il fatto di non aver potuto realizzare una veglia o di non aver avuto vicini gli amici più stretti in occasione della sepoltura –, è a volte così doloroso che si arriva al punto di credere che non si potrà più essere felici o sperimentare l’amore.

Immagino gli apostoli dopo la crocifissione e morte di Gesù. Lo avevano anche visto – Pietro, Giacomo e Giovanni – trasfigurato (Marco 9, 1-10), ma hanno dimenticato. Hanno dimenticato che Cristo stesso aveva detto loro di non perdere la speranza, perché tre giorni dopo sarebbe risorto.

Quando la morte bussa alla porta, potremmo arrivare a pensare che credere a Dio non abbia più senso. Un Dio che è amore (1 Giovanni 4, 8), che ci ha creati per amore e ci invita a vivere l’amore… è ridicolo l’appello che ci rivolge, o la proposta di una vita che si realizzi come un’opera d’amore quando il dolore è sceso nel profondo.

Pensiamo che il dolore e la sofferenza siano più potenti dell’amore misericordioso di Dio. Ci arrendiamo davanti alla sofferenza, e la disperazione ci invade. La tristezza e l’angoscia diventano sempre più intense, al punto da non trovare più il senso della vita.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
mortepreghiera
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni