Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 14 Maggio |
San Mattia
home iconChiesa
line break icon

Il “kit per la santità” di Carlo Acutis

CARLO ACUTIS

carloacutis.com

Catholic Link - pubblicato il 24/07/20

Un altro esempio di santità

Un esempio simile è quello che madre Angelica, fondatrice di EWTN, raccontava sulla grande santa Edith Stein, dottore della Chiesa. Prima della sua grande conversione leggendo gli scritti di Santa Teresa d’Avila, Edith iniziò a mostrare una certa curiosità per la Chiesa cattolica rendendosi conto che una signora che tornava dal mercato entrava tutti i giorni in chiesa, si inginocchiava per qualche minuto di fronte al Santissimo e poi proseguiva per la sua strada.

Visto che Edith era ebrea, quella pratica le sembrava sconcertante, perché non concepiva che la Presenza Reale di nostro Signore potesse essere contenuta in quel pezzo di pane. La devozione e la costanza di quella signora sono state uno dei primi elementi che l’hanno attirata alla Chiesa cattolica.

Probabilmente non sapremo mai chi fosse questa signora, e lei non ha mai immaginato che le sue visite a Gesù sacramentato avrebbero potuto richiamare l’attenzione di quella futura santa… E noi, viviamo in modo tale da poter rappresentare quell’influenza insospettata per qualcuno?

“Tutti nasciamo originali, ma alcuni muoiono fotocopia”

Pur avendo solo 15 anni, Carlo Acutis aveva compreso in modo profondo alcuni dei problemi che assillano i giovani di oggi, pressati forse dalla cultura, dagli amici e dalle reti sociali. Carlo pensava che alcuni, a furia di imitare certe mode, finissero per perdere la vocazione che Dio aveva dato loro.

Il ragazzo comprendeva bene che allontanarsi da quella vocazione avrebbe portato inevitabilmente all’insoddisfazione e al senso di vuoto tanto comuni al giorno d’oggi. È innegabile che le reti sociali ci spingono a immedesimarci in loro, nel cellulare. La frase antidoto di Carlo? “La tristezza sta nel guardare se stessi, la felicità nel volgere il nostro sguardo a Dio”.

Questa stessa conoscenza di Dio lo portava a riflettere: “Le persone fanno la fila per gli stadi, i concerti. Perché non stiamo lì con Gesù vivo nel tabernacolo? Le persone dovrebbero fare la fila per entrare nelle chiese”.

Carlo era così consapevole della Presenza Reale di Gesù nel tabernacolo che quando i suoi genitori gli hanno proposto di fare un viaggio a Gerusalemme ha preferito rimanere a Milano perché ha pensato che lì ci fossero abbastanza tabernacoli per stare con Gesù, e che questo fosse per lui più attraente che vedere dove aveva vissuto Gesù duemila anni prima: “Nell’Eucaristia, Gesù è vivo oggi”.

Il “kit per diventare santo”

Dai tre anni di età, Carlo ha iniziato a mostrare grande interesse per i temi legati alla fede, e poneva domande a cui i suoi genitori non sapevano rispondere. Quest’ansia di conoscere di più Dio lo ha portato a formarsi leggendo la Bibbia e il Catechismo.

Era a tal punto così che a sette anni ha chiesto, attraverso i suoi genitori, un permesso speciale per poter fare la Prima Comunione. Questa intensa vita spirituale lo ha portato a creare il cosiddetto “kit per diventare santo”, composto da Messa, Comunione, Rosario, lettura quotidiana della Bibbia, Confessione e servizio agli altri.

Come racconta uno degli studiosi della sua causa, “Carlo voleva che la gente comprendesse questo dono immenso. Dio è con noi, e questo dev’essere motivo di gioia e di speranza per tutti. Anche quando dobbiamo sopportare delle croci, perché Carlo diceva che ‘al Golgota saliremo tutti’. Possiamo santificarci durante quel cammino”.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
carlo acutissantita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni