Aleteia
lunedì 19 Ottobre |
San Paolo della Croce
For Her

Adriana si laurea in ospedale per restare accanto alla sorella malata: è lei la mia forza!

ADRIANA CIAFARDONI,

Adriana Ciafardoni

Silvia Lucchetti - pubblicato il 24/07/20

Dottoressa in Giurisprudenza con 110 e lode, ha discusso la tesi nella stanza di degenza della sorella 15enne che soffre di una rara malattia che la costringe a letto. "Io provo ad essere la sua finestra sul mondo, quello di fuori, che lei non può vivere; lei mi da tutto il resto: l’esempio, la forza, l’amore che serve".

Adriana ha due occhi giovani e chiari, una folta chioma castana che adornata con la corona d’alloro la fa apparire come una fata dei boschi, una splendida ninfa. il sorriso con gli incisivi leggermente separati come quelli delle top model d’oltreoceano. Lo so, si chiama diastema, ogni volta mi viene da leggerlo diadema. Adriana Ciafardoni, 23 anni di Cerignola, ha discusso lunedì 20 luglio in ospedale la sua tesi magistrale in Giurisprudenza. Era al Besta di Milano, dove è ricoverata Sara, la sorella minore, per alcuni controlli che si sono protratti più a lungo del previsto fino ed oltre la data della agognata sessione di laurea. Sara soffre di una rara malattia, complicazione della spina bifida, che la costringe a letto dall’età di otto anni. Eppure quel letto, che a giudicare dalla sua pagina Instagram è più un tappeto volante, non le ha impedito di creare un mondo fantastico. Una ragazza piena di talenti: ama l’arte, la scrittura, la fotografia. È una blogger di libri seguitissima, “La scrittrice sognatrice” con oltre 500.000 contatti; lo scorso anno ha pubblicato con le edizioni Terra Santa il suo primo romanzo “Con tutto l’amore che so”,  ed è una appassionata bookstagrammer, “lasarabooks”.  Vi consiglio di visitare la pagina dove troverete immagini e pensieri ricchi di poesia, bellezza, sogno e vita.

View this post on Instagram

Sono tornata, ma non prometto di non andarmene più. È molto strano, e allo stesso tempo normale, ritornare qui su Instagram per parlare insieme a voi. ⠀ È un periodo particolare: giorni intensi, nottate stressanti, pensieri che frullano per la testa… Non posso non darvi le motivazioni della mia latitanza, che alla fine è sempre la stessa: la salute. La mia salute sapere com'è, io la definirei strana, come vivere costantemente sulle montagne russe. ⠀ Vi racconto la verità, aspettavo quel momento in cui il male si sarebbe calmato visto che nell'ultimo periodo è diventato un vero e proprio mostro, cosicché avrei iniziato a fotografare, a scrivere con i ritmi di prima… ma volete sapere una cosa? ⠀ Alcune volte, forse troppo spesso, attendiamo un cambiamento nella nostra vita, senza pensare che quei cambiamenti sono davanti a noi, dovremmo solo metterli in pratica. ⠀ Si deve vivere la vita intensamente, accogliere questa a testa alta, soffrire, ridere, dar voce alle proprie emozioni e alle proprie debolezze senza mai vergognarsi. Vivere la vita giorno per giorno. Vivere l'amore perchè amare è la salvezza di ogni individuo. ⠀ Per chi mi chiedesse se sia felice, nonostante tutto, con un sorriso immenso, direi di sì. Specialmente perché questo periodo di apparente silenzio mi ha permesso di capire tante cose. ⠀ Sono stata alla ricerca di un qualcosa, ho fatto le pulizie dentro di me, ho scrutato sotto ai letti del mio cuore e ai soffitti della mia mente per ritrovare me stessa, ma ho lasciato abbastanza spazio per chi volesse sedersi accanto a me. ⠀ -S

A post shared by Sara Ciafardoni (@lasarabooks) on

Ho discusso la tesi con mia sorella accanto, non potevo chiedere di meglio

Adriana, che condivide con lei e con il resto della famiglia l’amore per i libri, per restarle accanto si è collegata con la commissione di laurea per discutere la tesi dalla stanza di degenza, con la paura che la connessione le giocasse un brutto scherzo, e invece tutto è filato liscio. Il percorso di studi che ha svolto presso l’Università di Foggia, e il suo lavoro finale in Istituzioni di diritto privato, sono stati valutati ottimamente per cui è stata dichiarata dottoressa con il voto massimo di 110 e lode più plauso accademico (Foggia Today). Che straordinaria soddisfazione!

Alla fine le cose accadono sempre per un motivo. Se la seduta di laurea fosse stata in presenza, mia sorella probabilmente non ci sarebbe potuta essere. Invece, alla fine, l’unica presente è stata lei. Quindi, non potevo chiedere di meglio. (Ibidem)

Mia sorella è una forza della natura

I genitori le hanno spedito in ospedale la corona d’alloro, non hanno potuto essere presenti perché in questi giorni anche mamma Isabella si sta sottoponendo ad alcune cure. Distanti solo fisicamente ma uniti nello spirito, Adriana si prende cura della sorella, papà Alessandro della moglie. “A ciascuno il suo”, perché i legami si fondano sui fatti, sulla capacità che abbiamo di lasciarci consumare per amore dell’altro, donando tempo, energie, cuore, braccia. Adriana ed Alessandro come soldati in trincea accanto ai propri cari, impegnati in dure battaglie.

La neodottoressa ha raccontato a Foggia Today:

Sicuramente immaginavo questo giorno in modo diverso, ma è andata bene così: l’ho affrontato con mia sorella, avevo una forza della natura accanto e non potevo chiedere di meglio. (Ibidem)


GRADUATION,

Leggi anche:
Mary e la forza della vita: cieca e disabile dalla nascita si laurea con 110 e lode!

Sorelle e amiche

E poi ha dichiarato la sua gratitudine nei confronti dei medici e di tutto il personale sanitario che hanno concesso a Sara di vivere in completa serenità questo importante traguardo per sua sorella:

(…) sono stati molto comprensivi e disponibili e hanno permesso a Sarina di vivere appieno questo momento. (…) Lei è la piccolina di casa, ma adesso è cresciuta e la distanza anagrafica tra noi si è andata a parificare: con lei ho un dialogo molto ampio, sa tutto della mia vita.

Io sono la sua finestra sul mondo, lei la mia forza

Un rapporto forte, a doppio nodo, sorelle e amiche, insieme nella prova e nella gioia, e il sorriso di Adriana parla da solo, perché c’è davvero tanto per cui gioire:

Io provo ad essere la sua finestra sul mondo, quello di fuori, che lei non può vivere; lei mi da tutto il resto: l’esempio, la forza, l’amore che serve.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
famigliamalattia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
RACHELE SAGRAMOSO,
Silvia Lucchetti
Rachele, da adolescente tormentata a mamma di...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni