Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Febbraio |
Beata Giuseppina Bakhita
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Bisogna credere in Dio per essere brave persone? Parlano le inchieste

FAITH

Shutterstock | StockPhotosArt

Jaime Septién - pubblicato il 23/07/20

Un'indagine mondiale del Pew Research Center mostra grandi differenze sulla necessità di Dio per ricchi e poveri

Una recente inchiesta del Pew Research Center, realizzata su 38.000 persone in 34 Paesi del mondo, rivive l’educato e profondo dibattito sostenuto verso il 1995 dal cardinale arcivescovo di Milano, Carlo Maria Martini, e dall’intellettuale Umberto Eco, polemica che ha dato vita al best-seller In cosa crede chi non crede?

La questione è la seguente: una persona può essere moralmente buona senza aver bisogno di credere in Dio? Eco diceva di sì, e si appellava all’etica dell’altro; il cardinal Martini, senza negare né offendere l’atteggiamento dell’autore de Il nome della Rosa, gli diceva che in questioni come il rispetto della vita dal concepimento alla morte naturale l’etica inciampa, e solo la fede in Dio dà coerenza a una morale della dignità dell’altro.

Ma cosa dice al riguardo la gente comune di 34 Paesi? Il riassunto dell’inchiesta del Pew Research Center può essere questo: le persone che vivono nei Paesi ricchi, soprattutto in Europa, hanno molte meno possibilità di associare la fede in Dio e la vita moralmente solvibile.

In altre parole, più è alto il livello educativo (e il PIL pro-capite che questo comporta), più sarà difficile per una persona comprendere che ha bisogno di Dio per essere una brava persona. La differenza tra Paesi ricchi e poveri è evidente.

FAITH
Shutterstock | a-katz

I due estremi tra i 34 Paesi considerati dal Pew Research Center sono stati il Kenya e la Svezia. Nel Paese meno ricco, ovviamente il Kenya, 95 persone su 100 hanno detto che è necessario credere in Dio per essere una persona morale, mentre in Svezia lo hanno affermato solo 9 su 100.

La secolarizzazione avanza tra i ricchi

Va segnalato che l’indagine non ha fatto distinzione di religioni, associando solo il credere in Dio e la moralità delle persone. Questa “breccia” non si verifica solo tra Paesi, ma anche tra ricchi e poveri di Paesi come gli Stati Uniti.

La differenza è infatti di 24 punti percentuali tra gli Statunitensi ricchi (che sono come gli Svedesi ma più moderati) e quelli poveri (che sono come i Kenyoti, ma molto meno convinti del rapporto tra Dio e moralità). Questo sfata l’antica convinzione che negli Stati Uniti sia le persone ricche che quelle povere fossero ugualmente religiose.

Indipendentemente dall’osservanza religiosa, sottolinea lo studio, una media del 62% delle persone nei Paesi interpellati ha segnalato che la religione gioca un ruolo importante nella sua vita; il 61% afferma che Dio gioca un ruolo di rilievo e il 53% afferma qualcosa di simile sulla preghiera.

FAITH
Shutterstock | everst

Va sottolineato che dal 1991 la percentuale di persone che dice che Dio è importante per loro è aumentata in Russia e in Ucraina, mentre nello stesso lasso di tempo è accaduto l’opposto nell’Europa occidentale, dove la secolarizzazione avanza a passi da gigante. L’indagine ha verificato che in questa parte dell’Europa la percentuale di persone che pensa che Dio sia necessario per essere morale è del 22%.

I Paesi con la maggiore probabilità di collegare Dio a bontà e moralità sono Indonesia (98%), Filippine (96%), Kenya (95%), Nigeria (93%), Brasile, Sudafrica e Tunisia (84%). Quelli meno propensi a legare Dio alla morale sono Svezia (9%), Repubblica Ceca (14%), Francia (15%), Regno Unito (20%), Paesi Bassi e Spagna (22%).

Tags:
moralitàreligione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.