Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconStile di vita
line break icon

La scintilla del lunedì – Clacson furenti

COVER, SCINTILLE, TRAVEL

Maria Savenko | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 20/07/20

Ce l’hai tu un posto in cui per essere guardato e abbracciato non devi usare nessuna sirena assordante?

Sono la classica mamma al volante, non credo di essere un pericolo costante ma vado lenta e devo essere un bell’ostacolo per i piloti più scattanti di me (e ci vuole davvero poco). Qualche giorno fa mi sono presa paura, un’auto si è immessa nella corsia dove io procedevo a velocità-tartaruga ed evidentemente non mi ha visto; ero quasi sicura ci sarebbe stato un urto. Allora, cosa che non faccio mai, ho pigiato il clacson fino in fondo. Il pericolo è rientrato, ci siamo solo sfiorate.

Quella paura mi è rimasta addosso per parecchio e ho rimuginato su tutto ciò che implica il «non essere visti»; esserci ma essere completamente invisibili agli altri. Nel caso che ho raccontato il clacson è stato il propagarsi della mia voce atterrita: “Ehi! Ci sono io qui!”; ma è ben raro che venga usato così. Il più delle volte suonare il clacson significa dare sfogo a un’istintività viscerale, scaricare sugli altri che-sono-in-mezzo un nervosismo tutto intimo e personale. Togliti, devo passare. Datti una mossa. Non hai visto che è verde?

Il traffico è un micro-mondo da incubo, in cui c’è solo un movimento convulso e nessun volto; siamo tutti lì ma non siamo davvero gli uni accanto agli altri. Anzi, è più facile che siamo gli uni contro gli altri. Quando passo dal mio piccolo paese alle grandi metropoli come Milano il sottofondo dei clacson mi cattura; a volte ho davvero l’impressione che siano grida umane. Cosa dicono? Che attenzione cerca tutta questa gente? Quale disagio deve mai sputare fuori con queste urla meccaniche per sentirsi in pace?

Nel podcast di questa settimana racconto di queste sirene assordanti, la cui eco si perde alla svelta: tanto fragorosi come rumori, quanto fugaci. Corriamo per le strade, ma poi ce l’abbiamo un luogo in cui anche lo strazio più silenzioso che ci portiamo dentro è ascoltato e abbracciato?

Tags:
podcast
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni