Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Chiesa

Il Papa: non a caccia dei difetti degli altri ma imitare la pazienza del Signore

Pope Audience

Antoine Mekary | ALETEIA

Vatican News - pubblicato il 20/07/20

L'azione dei discepoli dev’essere rivolta "non a sopprimere i malvagi, ma a salvarli". E' la strada che il Papa indica stamani all’Angelus, ricordando che non si tratta di tolleranza ipocrita ma di giustizia mitigata dalla misericordia

Debora Donnini – Città del Vaticano

“Il buon seme e la zizzania rappresentano non il bene e il male in astratto”, ma “noi esseri umani, che possiamo seguire Dio oppure il diavolo”. È con estrema chiarezza che il Papa all’Angelus commenta la parabola del Vangelo odierno sul buon grano seminato da Dio nel campo dove il diavolo, poi, nell’oscurità della notte, semina la zizzania. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Non tolleranza ipocrita ma giustizia mitigata dalla misericordia

Il suo invito è ad assumere lo stesso sguardo del Signore, che sa custodire il buon grano anche fra le erbe nocive mentre i servi vorrebbero subito strapparle via.

Il male, certo, va rigettato, ma i malvagi sono persone con cui bisogna usare pazienza. Non si tratta di quella tolleranza ipocrita che nasconde ambiguità, ma della giustizia mitigata dalla misericordia. Se Gesù è venuto a cercare i peccatori più che i giusti, a curare i malati prima ancora che i sani, anche l’azione di noi suoi discepoli dev’essere rivolta non a sopprimere i malvagi, ma a salvarli. E lì, la pazienza.

Riconoscere il bene che cresce silenziosamente 

Il padrone è più saggio: si rischierebbe a strappare via il grano assieme alla zizzania. Bisogna invece aspettare la mietitura e il Papa nota che, quindi, è anche un racconto di buon senso. I servi devono saper attendere perché “la sopportazione delle persecuzioni e delle ostilità fa parte della vocazione cristiana”. Si tratta di due modi di abitare la storia che il Vangelo di oggi presenta: “da una parte, lo sguardo del padroneche vede lontano; dall’altra, lo sguardo dei serviche vedono il problema”. “Ai servi – dice Francesco – sta a cuore un campo senza erbacce, al padrone il buon grano”.

Non collabora bene con Dio chi si mette a caccia dei limiti e dei difetti degli altri, ma piuttosto chi sa riconoscere il bene che cresce silenziosamente nel campo della Chiesa e della storia, coltivandolo fino alla maturazione. E allora sarà Dio, e solo Lui, a premiare i buoni e punire i malvagi. La Vergine Maria ci aiuti a comprendere e imitare la pazienza di Dio, il quale vuole che nessuno si perda dei suoi figli, che Egli ama con amore di Padre.

La tentazione di chiacchierare per distruggere gli altri

Il Papa ricorda quindi quale sia l’effetto del seminare zizzania:

Tante volte, abbiamo sentito che una famiglia che era in pace, poi cominciarono le guerre, le invidie … un quartiere che era in pace, poi incominciarono cose brutte … E noi siamo abituati a dire: “Eh, qualcuno è venuto lì a seminare zizzania”, o “questa persona della famiglia, con le chiacchiere, semina zizzania”. E’ sempre seminare il male che distrugge. E questo lo fa sempre il diavolo o la tentazione nostra: quando cadiamo nella tentazione di chiacchierare per distruggere gli altri.

La parabola narrata da Gesù richiama una visione della storia in cui accanto al padrone del campo, Dio, che sparge solo semente buona, c’è l’avversario, il diavolo che con la zizzania vuole ostacolare la crescita del grano e opera per invidia, ostilità, desiderando di rovinare tutto. “Il suo intento – rimarca il Papa –  è quello di intralciare l’opera della salvezza, far sì che il Regno di Dio sia ostacolato da operatori iniqui, seminatori di scandali”.

Dopo la preghiera mariana, il Papa ha rinnovato “l’appello a un cessate-il-fuoco globale e immediato”. In particolare, ha detto di seguire “con preoccupazione il riacuirsi nei giorni scorsi delle tensioni armate nella regione del Caucaso tra Armenia e Azerbaigian” auspicando una soluzione pacifica duratura.

Qui l’articolo pubblicato su Vatican News

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni