Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 17 Gennaio |
San José Vaz
home iconStile di vita
line break icon

Devo amare la mia croce o liberarmene? La risposta in un cortometraggio

Catholic Link - pubblicato il 19/07/20

di Cristian García Zelada

Più di dieci anni fa mi è stata diagnosticata una malattia incurabile. Ho cercato di scoprire tutto quello che la riguardava per essere preparato a ciò che sarebbe potuto accadere, ma c’è qualcosa alla quale nessuno avrebbe potuto prepararmi: la grande montagna russa che implica il fatto di portare una croce di questo tipo per tutta la vita.

Non credo di aver ancora attraversato tutte le tappe, perché si rinnovano sempre, quasi in modo ciclico. Ho vissuto momenti di forte dolore e profonda tristezza, ma anche mesi interi di fiducia nel fatto che un giorno Dio mi curerà. E anni interi col timore di aggravarmi e di non poter continuare a perseguire i miei sogni.

Il “tempo ordinario”

Nonostante tutto questo, credo che la tappa per me più difficile sia quello che definirei il “tempo ordinario”. Mi emoziona pensare che si avvicina la Pasqua o il fatto di cercare di vivere nel modo più profondo il tempo di Pentecoste, perché sono tempi forti.

A volte, però, l’itinerario più difficile è il Tempo Ordinario, in cui un giorno si può vivere tanto la speranza della Resurrezione quanto il dolore del Getsemani, senza un iter stabilito.

Con una malattia incurabile accade lo stesso: quando si aggrava è molto difficile, ma in qualche modo si trova la forza. Dall’altro lato, nei momenti in cui si ha più salute la speranza ispira a rischiare molte cose nuove.

Una forte lotta interiore

Spesso nel “tempo ordinario” si verifica una grande lotta interiore: “Devo chiedere a Dio la salute o dovrei chiedergli di aiutarmi ad amare questa croce? Sono desideri contraddittori?”

A partire da questa esperienza ho scritto il monologo “Passi per sperare in qualcosa che non arriverà mai”. In questo breve cortometraggio, ho cercato in qualche modo di riassumere quello che per me – e forse per molte persone in situazioni simili – è un itinerario quotidiano di abbandono.

  • 1
  • 2
Tags:
crocestile di vita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni