Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

“Unorthodox” e gli errori in cui si incorre in nome della fede

UNORTHODOX
Condividi
di Silvana Ramos

Unorthodox. Ci ho messo tanto a commentare questa serie di Netflix perché non volevo farlo alla leggera. Il tema che tocca è delicato e al contempo molto profondo. Molti hanno commentato quanto siano straordinarie le interpretazioni, soprattutto della protagonista, Shira Haas, e quanto la storia sia accattivante.

Il messaggio per un credente alla fine può sembrare una ribellione contro le forme, o come dice monsignor Barron in un eccellente commento sulla serie, un tentativo di “trovare forme particolarmente oppressive della religiosità per giustificare” la storia e il viaggio della nostra eroina.

Ho visto la serie due volte e la rivedrei. Il dolore che comunica la protagonista è enorme, come lo è la semplicità con cui termina. Vorrei sottolineare due riflessioni che mi ha suscitato questa serie, che credo potrebbero essere utili al momento di vederla e penso ci aiutino a riflettere sulla nostra vita come cristiani.

1. Unorthodox e l’errore di separare la fede dalla vita

La serie si sviluppa in un’oppressiva comunità ebraica chassidica di Brooklyn. In effetti Unorthodox si può interpretare come la tipica storia che ci racconta la liberazione dall’oppressione nefasta della religione, tema che abbiamo visto innumerevoli volte al cinema e nella letteratura.

Anche se varie volte questo reclamo trova una giustificazione valida, finisce per essere una generalizzazione e far sì che il pubblico veda tutto ciò che è religioso con la lente dell’oppressione.

Sappiamo bene che non è così, perché la religione è uno splendido cammino verso Dio. La Chiesa cattolica ci mostra attraverso il suo magistero la bellezza come seguire Cristo, un Dio vivo che ci insegna a vivere e a sceglierlo liberamente.

Il problema si presenta quando si vive la fede separata dalla vita, o quando la religione viene prima dell’incontro personale. Quando questo accade, si verifica una grande incoerenza.

Come possiamo amare Dio al di sopra di tutte le cose e il prossimo come noi stessi se disprezziamo l’altro, se viviamo chiusi e non siamo caritatevoli a casa nostra, nella nostra comunità? Come amare Dio se questo amore profondo di incontro è sconosciuto e spesso rifiutato?

Questa serie ci mostra questa incoerenza, a noi non estranea. È quasi una crisi di identità tra quello in cui crediamo e il modo in cui lo mettiamo in pratica. Spesso ci aggrappiamo alle forme per usarle come difesa contro ciò che è mondano, contro tutto quello che attacca il cristianesimo e ci allontana da Dio. Viviamo difendendo anziché vivendo come ci è stato insegnato, e ironicamente non facciamo quello che ci è stato insegnato, ovvero amare.

Unorthodox ci mostra questa realtà. Non possiamo vivere lontani dal mondo, curando la forma e dimenticando la nostra missione, isolarci e ignorare ciò che accade intorno a noi senza coinvolgerci con niente e nessuno. Non accade solo in questa comunità ebraica, ma anche in noi stessi, e più spesso di quanto crediamo.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni