Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconStile di vita
line break icon

I parassiti dell’anima che ci fanno perdere la gioia

BUSINESSWOMAN

By OPOLJA | Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 17/07/20

Tutta questa sofferenza che porto sulle spalle non è nulla se la paragono al Cielo, a quello che sogno alla fine del cammino, alla pace che avrò varcando la porta santa della vita. Leggevo giorni fa:

“Il peccato consiste fondamentalmente nell’autoaffermazione dell’essere umano, che si chiude nel proprio potere per assicurarsi contro Dio e di fronte al fratello”.

La mia debolezza mi porta ad autoaffermarmi. Valgo più di quel Dio che amo tanto. Valgo più dei sogni che ho nell’anima. Valgo di più, è più potente la terra che racchiudo nella mia anima.

Solo Dio ha l’ultima parola sulla mia vita. Non sono io con la forza di volontà a far crescere i miei semi, la vita che ho nell’anima, il cammino santo che voglio percorrere. No, devo lasciarmi “fare” da Dio.

KieferPix | Shutterstock

“Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza aver annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, affinché dia seme al seminatore e pane da mangiare, così è della mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non torna a me a vuoto, senza aver compiuto ciò che io voglio e condotto a buon fine ciò per cui l’ho mandata”.

La Parola di Dio viene sulla terra della mia anima per renderla feconda.

Ma vedo tanta durezza, tante piante che offuscano la luce del sole, tanta secchezza e tanta povertà. Nulla di positivo sembra poter uscire dalla mia terra malata. Solo il peccato, e quella catena peccaminosa che si lega all’anima e la fa ammalare lentamente.

Giorni fa mi hanno parlato della piaga del vischio sugli alberi. Un albero del mio giardino lo aveva. Sembrava una pianta inoffensiva.

Gli uccelli si nutrono del frutto del vischio, e defecando depositano i semi sui rami. Il vischio germina sui rami e si sviluppa. Bisogna tagliare la pianta che sembra inoffensiva perché l’albero non muoia.

Plantas de Navidad
suju

Succede anche nella mia vita. Qualcosa in me inizia a crescere con forza. Sembra inoffensivo. Faccio qualcosa che è positivo, non negativo. È bello, non brutto. Può essere un rapporto, un compito che mi sembra positivo.

Presto, però, comincio a vedere degli effetti negativi. Perdo la pace, o la forza. La mia energia si indebolisce. O è tossico quello che sembrava inoffensivo. A poco a poco mi toglie la vita, senza che me ne renda conto.

Può essere un rapporto che non mi fa bene, o un incarico che mi viene affidato e mi esaurisce senza che me ne renda conto. O un’esigenza che sembra legittima ma mi toglie la gioia e la pace.

Forse devo eliminare quello che non mi fa bene anche se è apparentemente buono e prezioso. Quelle piante sono parassiti che vivono della vita dell’albero. Posso avere dei parassiti che vivono della vita della mia anima, e questo mi indebolisce.

Il giardino interiore della mia anima si secca, si esaurisce, sotto il peso dei compiti che superano la mia capacità. E perdo la gioia e la speranza.

Credo di poter fare tutto, ma affogo nella notte delle mie paure e dei miei dolori. Quanto pesa il peccato, quanto pesa la trascuratezza in cui mi racchiudo!

Ho bisogno che Gesù sia il giardiniere della mia vita. La sua parola deve annidarsi nelle pieghe della mia anima.

  • 1
  • 2
Tags:
gesùgioia

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
3
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni