Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconArte e Viaggi
line break icon

Il pesce e la croce: come un simbolo cristiano ha superato l’altro

Poisson / Croix

Daniel Jedzura / Shutterstock

Il pesce e la croce: due fra i maggiori e più noti simboli cristiani.

John Burger - pubblicato il 16/07/20

È stato solo dopo l’editto di Tolleranza (anche noto come “editto di Milano”, 313 d.C.), col quale l’imperatore Costantino ha legalizzato il cristianesimo, che i cristiani hanno potuto elaborare, esporre e adorare il simbolo del sacrificio di Cristo – la croce.

La religione cristiana possiede molti simboli, ma nessuno è importante ed emblematico quanto la croce. Già utilizzata come strumento di morte infamante, essa è divenuta segno di tutti i cristiani: dalle croci fissate sui campanili delle nostre chiese fino al segno di croce che facciamo sul nostro corpo, è impossibile dissociare questo simbolo dalla fede cristiana. Ciò non vuol dire che sia sempre stato così: se i primi cristiani hanno creduto alla risurrezione di Gesù, era raro vedere questi ultimi adorare delle croci, prima della legalizzazione del cristianesimo nell’Impero Romano.




Leggi anche:
L’arte contemporanea fa rivivere una basilica paleocristiana

Prima del regno di Costantino, nel IV secolo, i cristiani erano reticenti all’idea di venerare la croce, per paura di essere ridicolizzati o di mettersi in pericolo. Dopo la conversione dell’imperatore al cristianesimo, la pena capitale per crocifissione fu abolita e la croce, elevata al rango di simbolo di fede cristiana al pari del Chrismon – monogramma greco composto dalle lettere X [ch] e R [rh], le prime della parola “Christòs”. Tali simboli si sono rapidamente moltiplicati nell’arte e sui monumenti funerari cristiani intorno all’anno 350, mentre prima erano inesistenti, benché i credenti battezzassero comunque «nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo».




Leggi anche:
Enrico Montesano: “Vorrei tornare a essere un paleocristiano”

Le origini del pesce come simbolo

Se la croce non era molto presente, nei primi secoli, il pesce invece lo era. Come è nato questo simbolo, già utilizzato nell’arte ellenistica prima dell’era cristiana? Anzitutto la parola che ne dice il nome in greco – ἰχθύς [ichthys] – è un eccellente acronimo per la professione di fede “Gesù Cristo [è] il Figlio di Dio Salvatore”. La simbolica del pesce viene dall’archeologia e dagli scritti. Secondo l’Encyclopédie Catholique, il riferimento letterario più antico del pesce risale a Clemente di Alessandria, nato attorno alla metà del II secolo. Nella sua opera “Il Pedagogo” egli raccomanda ai suoi lettori di incidere una colomba o un pesce sui loro sigilli. Prima di ciò, all’inizio del II secolo, il pesce è rappresentato in monumenti romani come la c.d. “cappella greca” e le “cappelle dei sacramenti” nella Catacomba di San Callisto.

Il simbolo è stato forse ispirato anche dal miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci, o dal pasto dei sette discepoli sulle rive di Galilea, dopo la Risurrezione.

Così ancora l’Encyclopédie. Il pesce si ritrova in molti affreschi, su sculture, bastoni, sigilli, manufatti vitrei e medaglioni. «È dopo il IV secolo che il simbolo comincia a sparire», conclude l’Enclyclopédie Catholique.

I pesci rappresentati su fonti e coppe battesimali, quali quelle che si possono vedere al Museo Nazionale Romano a Roma, hanno scopo puramente decorativo che fa allusione all’acqua battesimale.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
antica romaarte cristianapatristica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
ABORTION
Giovanna Binci
Ride, balla, abortisce e posta: teenager “celebra” ab...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni