Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconArte e Viaggi
line break icon

Il pesce e la croce: come un simbolo cristiano ha superato l’altro

Poisson / Croix

Daniel Jedzura / Shutterstock

Il pesce e la croce: due fra i maggiori e più noti simboli cristiani.

John Burger - pubblicato il 16/07/20

È stato solo dopo l’editto di Tolleranza (anche noto come “editto di Milano”, 313 d.C.), col quale l’imperatore Costantino ha legalizzato il cristianesimo, che i cristiani hanno potuto elaborare, esporre e adorare il simbolo del sacrificio di Cristo – la croce.

La religione cristiana possiede molti simboli, ma nessuno è importante ed emblematico quanto la croce. Già utilizzata come strumento di morte infamante, essa è divenuta segno di tutti i cristiani: dalle croci fissate sui campanili delle nostre chiese fino al segno di croce che facciamo sul nostro corpo, è impossibile dissociare questo simbolo dalla fede cristiana. Ciò non vuol dire che sia sempre stato così: se i primi cristiani hanno creduto alla risurrezione di Gesù, era raro vedere questi ultimi adorare delle croci, prima della legalizzazione del cristianesimo nell’Impero Romano.




Leggi anche:
L’arte contemporanea fa rivivere una basilica paleocristiana

Prima del regno di Costantino, nel IV secolo, i cristiani erano reticenti all’idea di venerare la croce, per paura di essere ridicolizzati o di mettersi in pericolo. Dopo la conversione dell’imperatore al cristianesimo, la pena capitale per crocifissione fu abolita e la croce, elevata al rango di simbolo di fede cristiana al pari del Chrismon – monogramma greco composto dalle lettere X [ch] e R [rh], le prime della parola “Christòs”. Tali simboli si sono rapidamente moltiplicati nell’arte e sui monumenti funerari cristiani intorno all’anno 350, mentre prima erano inesistenti, benché i credenti battezzassero comunque «nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo».




Leggi anche:
Enrico Montesano: “Vorrei tornare a essere un paleocristiano”

Le origini del pesce come simbolo

Se la croce non era molto presente, nei primi secoli, il pesce invece lo era. Come è nato questo simbolo, già utilizzato nell’arte ellenistica prima dell’era cristiana? Anzitutto la parola che ne dice il nome in greco – ἰχθύς [ichthys] – è un eccellente acronimo per la professione di fede “Gesù Cristo [è] il Figlio di Dio Salvatore”. La simbolica del pesce viene dall’archeologia e dagli scritti. Secondo l’Encyclopédie Catholique, il riferimento letterario più antico del pesce risale a Clemente di Alessandria, nato attorno alla metà del II secolo. Nella sua opera “Il Pedagogo” egli raccomanda ai suoi lettori di incidere una colomba o un pesce sui loro sigilli. Prima di ciò, all’inizio del II secolo, il pesce è rappresentato in monumenti romani come la c.d. “cappella greca” e le “cappelle dei sacramenti” nella Catacomba di San Callisto.

Il simbolo è stato forse ispirato anche dal miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci, o dal pasto dei sette discepoli sulle rive di Galilea, dopo la Risurrezione.

Così ancora l’Encyclopédie. Il pesce si ritrova in molti affreschi, su sculture, bastoni, sigilli, manufatti vitrei e medaglioni. «È dopo il IV secolo che il simbolo comincia a sparire», conclude l’Enclyclopédie Catholique.

I pesci rappresentati su fonti e coppe battesimali, quali quelle che si possono vedere al Museo Nazionale Romano a Roma, hanno scopo puramente decorativo che fa allusione all’acqua battesimale.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
antica romaarte cristianapatristica
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni