Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Santi Quirico e Giulitta
home iconChiesa
line break icon

Conoscete la storia di san Bonaventura, salvato da un miracolo?

SAINT BONAVENTURE

Public Domain

San Bonaventura da Bagnoregio.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 15/07/20

Il 15 luglio si festeggia il santo e teologo francescano, che da piccolo sarebbe stato guarito da una grave malattia da san Francesco d'Assisi, che lo segnò sulla fronte con la croce, esclamando: “O bona ventura!”

Giovanni Fidanza nacque a Bagnoregio (Viterbo) nel 1218. La tradizione racconta che il suo nome religioso derivi dall’incontro con San Francesco d’Assisi avvenuto nel 1226. Questi, quando aveva otto anni, lo avrebbe guarito miracolosamente da una seria malattia segnandolo sulla fronte con la croce ed esclamando: “O bona ventura!”.

Il racconto del futuro santo

Lo stesso Fidanza più tardi racconterà così questo episodio:

«Ancora fanciullo ero gravemente infermo; bastò che mia madre facesse un voto per me al nostro beato Padre Francesco e fui strappato alle fauci della morte e restituito, sano e salvo, alla vita».

Non tutte le fonti concordano questo episodio. Secondo alcuni sarebbe avvenuto in una data postuma alla morte di Francesco (3 ottobre 1226). Che sia una leggenda o realtà, il giovane Fidenza è abbagliato sin da giovanissimo dal carisma francescano.

Google Art Project

La levitazione di San Bonaventura.

L’amore per la vita francescana

A 18 anni il futuro San Bonaventura si reca a Parigi per studiare e consegue il diploma di Maestro d’Arti, paragonabile al titolo rilasciato da un prestigioso liceo di oggi. Sente forte la chiamata del Signore ed entra nell’Ordine dei Frati Minori.

«Confesso davanti a Dio – scrive in una lettera a un confratello – che la ragione che mi ha fatto amare di più la vita del beato Francesco è che essa assomiglia agli inizi e alla crescita della Chiesa. La Chiesa cominciò con semplici pescatori, e si arricchì in seguito di dottori molto illustri e sapienti; la religione del beato Francesco non è stata stabilita dalla prudenza degli uomini, ma da Cristo».

Conclusa la sua formazione nel 1253, diventa “magister” e ottiene la licenza di insegnare teologia (In Terris, 15 luglio).

La “Legenda maior”

Nel 1257 venne eletto generale dell’Ordine francescano, carica che mantenne per diciassette anni con impegno al punto da essere definito secondo fondatore dell’Ordine. Scrisse numerose opere di carattere teologico e mistico ed importante fu la «Legenda maior», biografia ufficiale di San Francesco, a cui si ispirò Giotto per il ciclo delle “Storie di San Francesco”.

Fu nominato vescovo di Albano e cardinale. Partecipò al II Concilio di Lione che, grazie anche al suo contributo, segnò un riavvicinamento fra Chiesa latina e Chiesa greca. Proprio durante il Concilio, morì a Lione, il 15 luglio 1274 (www.santiebeati.it).

Bonaventura è considerato tra i teologi più influenti del francescanesimo.

Cranio incorrotto

Il futuro papa Innocenzo V celebrò le esequie del Cardinale Bonaventura, e venne inumato nella chiesa francescana di Lione. Nel 1434 la salma venne traslata in una nuova chiesa, dedicata a San Francesco d’Assisi; la tomba venne aperta e la sua testa venne trovata in perfetto stato di conservazione: questo fatto ne facilitò la canonizzazione, che avvenne ad opera del papa francescano Sisto IV, il 14 aprile 1482; mentre il 14 maggio 1588 venne insignito del titolo di dottore della Chiesa, da papa Sisto V.

La reliquia del braccio

Il 14 marzo 1490, a seguito della ricognizione del corpo del santo a Lione, venne estratto il braccio destro, per donarlo alla sua città d’origine Bagnoregio, e nel 1491, fu collocata nella concattedrale di San Nicola. Oggi, pertanto, il santo braccio di san Bonaventura è l’unica reliquia al mondo, dopo la profanazione del suo sepolcro e la dispersione dei suoi resti eseguita dagli Ugonotti nel 1562.

“Ogni odio nasce dall’amore”

San Bonaventura sostiene che Cristo è la via per tutte le scienze: solo la Verità rivelata può potenziarle e unirle verso l’obiettivo di conoscere il Signore. «È insito nell’anima – osserva – l’odio della falsità; ma ogni odio nasce dall’amore, perciò è molto più radicato nell’anima l’amore della verità e specialmente di quella verità per la quale l’anima è stata fatta».

Chi spera nelle promesse dell’Onnipotente – sostiene il Santo – «deve alzare il capo, rivolgendo verso l’alto i suoi pensieri, verso l’altezza della nostra esistenza, cioè verso Dio».


CONTEMPLATE

Leggi anche:
Il consiglio di San Bonaventura per stare in pace con il posto che si occupa a questo mondo


ANGELS

Leggi anche:
4 santi molto famosi a cui è cambiata la vita grazie agli angeli


ST FRANCIS OF ASSISI

Leggi anche:
Un lebbroso indemoniato guarito da San Francesco: vi raccontiamo questo incredibile miracolo


ST FRANCIS,STATUE

Leggi anche:
Due gesti ribelli di San Francesco d’Assisi che non tutti conoscono


FRANCISCANS

Leggi anche:
I mezzi di conversione utilizzati dai primi missionari francescani

Tags:
francescani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
6
POWELL BROTHERS
Sarah Robsdotter
Il video di un bambino che canta al fratellino Down diventa viral...
7
Aleteia
Chi sorride così al momento della morte?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni