Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Chiesa

Perché in sagrestia c'è un lavello speciale?

sacrarium

Alan Creech | Flickr CC BY-NC-ND 2.0

Philip Kosloski - pubblicato il 14/07/20

Il “sacrarium” ha un drenaggio direttamente a terra per assicurare il corretto smaltimento degli elementi sacri

Se siete mai stati in una sagrestia – la stanza in cui si prepara la liturgia – in una chiesa cattolica, avrete forse notato due lavandini. Uno sembra normale e ha un rubinetto con un tipico impianto idraulico, mentre quello vicino, o nella stessa stanza, è un lavello secondario. Ha spesso una lastra di metallo a coprirlo e in genere non ha un rubinetto.

Cos’è quel lavello, e a cosa serve?

Il termine tecnico per indicarlo è “sacrarium” (a volte chiamato “piscina”), ed è stato sviluppato per il corretto smaltimento degli elementi sacri. Ha un drenaggio che va direttamente a terra. In questo modo, gli elementi naturali tornano a terra in modo più dignitoso che se venissero drenati in un serbatoio di contenimento.

Uno degli obiettivi del sacrarium è eliminare l’acqua che contiene in essa un’ostia consacrata dissolta. In genere quando un’ostia consacrata cade a terra viene consumata, anche se a volte viene custodita nella sagrestia e messa in un piatto d’acqua, e una volta che si è distolta abbastanza l’acqua viene versata nel sacrarium.

Un uso più comune del sacrarium è quello di eliminare l’acqua usata per lavare i vari tessuti usati nella liturgia. La Catholic Encyclopedia elenca questo e altri modi storici in cui viene usato il sacrarium:

“[Il sacrarium è stato usato] per ricevere l’acqua derivante dal lavaggio delle mani del sacerdote, l’acqua usata per lavare i tessuti, i corporali, i teli, ecc., usati dopo le unzioni sacre, e per le ceneri delle cose sacre non più adatte all’uso. È stato realizzato accanto all’altare, nella parete meridionale del santuario, nella sagrestia, o in altri luoghi adatti”.

È un costume bruciare alcuni oggetti sacri (sacramentali) una volta che non sono più utili, e sotterrarne le ceneri. Un’altra opzione sarebbe versarle nel sacrarium (con acqua), visto che così arriverebbero direttamente a terra.

Al di sopra di tutto, il sacrarium viene usato per eliminare adeguatamente gli elementi sacri, riunendoli con la terra in un modo che rispetta la benedizione che hanno ricevuto.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
chiesaliturgia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni