Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconChiesa
line break icon

Chi era il “buon ladrone”, e perché è santo?

THE GOOD THIEF

Public Domain

Philip Kosloski - pubblicato il 13/07/20

Disma è venerato come santo nella Chiesa cattolica per le parole di Gesù Cristo, che ha promesso che sarebbe andato in Paradiso

Il più noto criminale diventato santo nella Chiesa cattolica è probabilmente San Disma. Era il “buon ladrone” crocifisso accanto a Gesù, che gli promise il Paradiso:

“Uno dei malfattori appesi lo insultava, dicendo: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!» Ma l’altro lo rimproverava, dicendo: «Non hai nemmeno timor di Dio, tu che ti trovi nel medesimo supplizio? Per noi è giusto, perché riceviamo la pena che ci meritiamo per le nostre azioni; ma questi non ha fatto nulla di male». E diceva: «Gesù, ricòrdati di me quando entrerai nel tuo regno!» Ed egli gli disse: «Io ti dico in verità, oggi tu sarai con me in paradiso»” (Luca 23, 39-43).

Queste parole di Gesù hanno portato le prime comunità cristiane a credere che il “buon ladrone” si sia pentito dei suoi crimini e sia entrato quel giorno stesso in Paradiso. Ciò lo ha reso automaticamente santo, visto che si definisce santo chiunque goda della visione beatifica in Cielo.

Si sa molto poco di quest’uomo, anche se la tradizione gli attribuisce spesso il nome “Disma”, che significa “tramonto” o “morte”. Ciò che è certo è che agli occhi della legge romana era un criminale.


FAMILLE HEUREUSE

Leggi anche:
Pensate di aver fallito nell’educazione dei vostri figli? Pensate al Buon Ladrone

Secondo uno studioso biblico, “due dei più comuni [criminali condannati alla crocifissione] erano criminali di bassa lega e nemici dello Stato… I criminali di bassa lega includevano, ad esempio, gli schiavi che erano fuggiti dai loro padroni e avevano commesso un crimine. Se catturati, gli schiavi potevano essere crocifissi. C’erano due ragioni per cui venivano sottoposti a una morte così lenta, crudele e umiliante. Ricevevano la punizione ‘ultima’ per il loro crimine e, cosa probabilmente più importante, venivano usati come monito per mettere in guardia qualsiasi altro schiavo stesse pensando di scappare o di commettere un crimine mostrando quello che sarebbe potuto capitare loro”.

Non sappiamo il crimine per il quale Disma venne condannato, ma probabilmente era qualcosa del genere.

Un articolo pubblicato su FaithND offre una storia interessante sulla vita di Disma: “Una leggenda afferma che Disma e il suo compagno di crimine stavano per rapinare Giuseppe e Maria mentre fuggivano in Egitto col bambino Gesù. Si dice che Disma venne mosso a compassione e convinse il suo compare a lasciar passare la Sacra Famiglia”.

La festa di San Disma si commemora il 25 marzo, la data in cui i primi cristiani credevano che Cristo fosse morto.

Non sorprende che Disma sia considerato il santo patrono dei carcerati e che molte cappelle carcerarie e numerosi centri di riabilitazione per ex prigionieri portino il suo nome.




Leggi anche:
Francesco e il buon ladrone: un condannato a morte è un modello per noi

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
carceratigesùprigionesanto
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni