Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

«Adesso mamma ti dà un bacio, così passa la bua» e la scienza conferma

NEWBORN
Shutterstock
Condividi

In fondo lo abbiamo sempre saputo, ma è bello che la scienza confermi i dati scritti nel cuore umano: i gesti di affetto dei genitori attivano specifiche aree del cervello legate allo sviluppo della coscienza.

Qualche giorno fa una neuropsichiatra infantile ha tenuto un incontro nella scuola media frequentata da mio figlio maggiore per aiutare noi genitori a essere di supporto (e non di ostacolo!) ai nostri ragazzi alle prese con la scelta della scuola superiore. Con grande stupore dei più ci ha suggerito di non screditare l’ipotesi che la scuola sia scelta in base a dove vanno gli amici. Molti, io compresa, hanno avanzato qualche obiezione: ma come? Non dovremmo invece pensare alla qualità del corpo docente, al valore della proposta didattica, eccetera?

L’azzardo della dottoressa non era un invito a scegliere sull’onda emotiva o a trascurare le valutazioni più propriamente educative; se vogliamo era una proposta a più ampio spettro, ci suggeriva un investimento a lungo termine. Nel futuro sarà un bisogno sempre più sentito quello di creare relazioni vere, in carne e ossa. Che nostro figlio si sia costruito una rete di amicizie fatta di volti e voci (non solo chat e video) avrà per il suo futuro un valore enorme, sarà una risorsa salvavita in una società sempre più virtuale ed individualista. Naturalmente non dirò a mio figlio di scegliere una certa scuola, per cui non è portato, solo per stare con la sua compagnia di amici, ma preservare anche questo elemento relazionale non è affatto un fattore trascurabile.

Sempre più spesso la scienza si accorge del contributo tutt’altro che superficiale delle relazioni; ricerche all’avanguardia documentano traguardi che all’uomo comune paiono come «la scoperta dell’acqua calda». Ma non è una critica, è semmai un grido di esultanza. Quello che abbiamo sempre saputo e a cui davamo il nome di tradizione o buon senso o persino «rimedio della nonna» sono contributi così incarnati nell’umano che persino il riscontro scientifico ne offre una lettura di valore.

Un esempio: il valore dell’empatia nella cura di certe patologie infantili. In sintesi, quella frase che tutti ci siamo sentiti dire: «Adesso mamma ti dà un bacio, così passa la bua» non era solo una coccola, bensì una vera e propria medicina. In fondo lo abbiamo sempre saputo.

Il mal di testa passa con un bacio?

Una ricerca presentata da Vincenzo Guidetti, neuropsichiatra della Sapienza di Roma, al Congresso Internazionale sulle Cefalee di Stresa elenca il mal di testa tra i disturbi di internalizzazione derivati da carenze affettive nell’infanzia. Guidetti ha analizzato circa 60 studi condotti negli ultimi 5 anni. Gli strumenti di neurovisualizzazione hanno confermato quello che gli psicologi avevano intuito da tempo: i gesti di affetto dei genitori attivano specifiche aree del cervello legate allo sviluppo della coscienza. (da Il digitale)

Il professor Guidetti si occupa di studiare le cefalee ed emicranie nei bambini e definisce il suo lavoro una finestra speciale per osservare un disturbo su cui convergono elementi biologici, psicologici e comportamentali. Soffrire di mal di testa è una di quelle patologie che con più spiccata evidenza ci mostrano il bisogno – vero in ogni contesto – di guardare la persona nella sua interezza. Non solo la genetica, ma anche la storia personale, le relazioni e l’ambiente determinano una sofferenza precisa e specifica come il mal di testa.

Per suggerire questo coinvolgimento complessivo Guidetti ha mostrato la foto di Rebecca Saxe. Ci eravamo già occupati di questa ricercatrice del MIT che era riuscita a fotografare il suo bacio di mamma al figlio durante una risonanza magnetica che sta passando alla storia.

Risonanza magnetica di una madre che abbraccia il figlio.Credits: Rebecca Saxe, Ph.D., Brain and Cognitive Sciences Department, Massachusetts Institute of Technology (MIT).-Arrhythmia

Geplaatst door The Medical Alphabet op Donderdag 28 maart 2019

La foto inquadrava l’affetto madre-figlio da un insolito punto di vista, tecnico eppure tutt’altro che freddo. Come evidenzia l’immagine della risonanza magnetica della Saxe i cervelli di madre e figlio «si accendono in sintonia», cioè quella nuvola emotiva che chiamiamo affetto produce effetti molto concreti nello sviluppo del cervello. In questo senso, il bacio di mamma “che fa passare la bua” non è più solo un modo di dire, bensì l’evidenza che il legame affettivo incide sulla salute. Banalmente: è ovvio che non stiamo mettendo il bacio della madre sullo stesso piatto della bilancia su cui metteremmo l’ibuprofene.

Piuttosto si tratta di valorizzare questo sguardo medico che dà a Cesare quel che è di Cesare e, a una società spinta a considerare fluttuante e inconsistente la famigliacon sempre più forte insistenza, ci ricorda che il benessere psicofisico della persona ha come alveo originale proprio la relazione con mamma e papà.

Nel bene e nel male, evidentemente. In un approfondimento accurato di Cesare Peccarisi sul Corriere sono ripercorse le tappe essenziali della ricerca del professor Guidetti.

Comunque, sia che si verifichi a 2 o a 5 anni, una carenza affettiva genitoriale può dar luogo ai cosiddetti disturbi di internalizzazione, come ansia o depressione. […] Secondo una ricerca presentata all’ultimo congresso internazionale sulle cefalee di Stresa da Vincenzo Guidetti, neuropsichiatra dell’Università della Sapienza di Roma, fra questi disturbi di internalizzazione rientrerebbe anche il mal di testa. «Come nell’adulto ogni bambino ha una sua storia personale e una sua esperienza di vita – dice Guidetti – e la sua vulnerabilità può essere capita solo analizzandone le radici, altrimenti le nostre conclusioni sono parziali e ci fanno perdere di vista la complessità del problema». (da Corriere)

Specchio, specchio dell’empatia

Domenica scorsa a messa c’era vicino a noi un bimbo di circa due anni che correva come un matto, a un certo punto è caduto. Non si è fatto nulla, però, come capita spesso, dopo un po’ si è messo a piangere. Sua madre è arrivata con calma, in effetti non c’erano urgenze; non lo ha preso in braccio, gli ha solo parlato da vicino ma senza contatto. Gli ha ragionevolmente spiegato l’accaduto: «Non ti sei fatto nulla, sei solo inciampato. E poi non hai neanche pianto, vuol dire che non hai male. Ti sei messo a piangere dopo, perché volevi che venissi da te». Il bimbo ha continuato a piangere.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni