Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconFor Her
line break icon

Non dimenticherò mai quel giorno ad Assisi, avevo 14 anni: fu un incontro bellissimo!

lauren rushing-CC

Chiara Bertoglio - pubblicato il 08/07/20

Assisi vuol dire San Francesco, San Francesco vuol dire povertà. Tutto semplice, finché non incontrai i ragazzi di strada e le loro storie. Fu un momento di grandissima importanza per la mia crescita!

Avevo quattordici anni quando partecipai ad un incontro, ad Assisi, organizzato dall’allora neonata associazione “Noi Ragazzi del Mondo”, frutto della visione profetica e carismatica di un sacerdote marchigiano, don Franco Monterubbianesi. Fu un momento di grandissima importanza per la mia crescita: in un ambiente di amicizia e spontaneità avemmo modo di incontrarci e parlarci con gruppi di nostri coetanei provenienti dal sud del mondo: camerunesi, ecuadoregni, guatemaltechi, brasiliani…
Ricordo come rimasi colpita dalla bellezza delle amicizie che nacquero in pochi giorni, fra adolescenti che spesso non sapevano le lingue degli altri; ricordo la fortissima impressione di conoscere ragazzine della mia età che già stavano uscendo dall’esperienza terrificante della prostituzione; ricordo la bellezza dello sguardo rinato di ragazzini brasiliani che avevano fatto uso del “crack” a dodici anni, ma ora guardavano ad un futuro diverso dopo aver, finalmente, incontrato l’amore di qualcuno che volesse loro bene.
Ricordo anche come rimasi colpita da alcuni discorsi che facemmo con i sacerdoti ed i frati di Assisi. Assisi vuol dire Francesco, Francesco vuol dire povertà. Tutto semplice, finché non incontri i ragazzi di strada e le loro storie. Perché rivelano il volto di una povertà che è tutt’altro che buona; una povertà che degrada, che nega, che calpesta, che viola l’innocenza, che cancella il futuro. E qualcuno dei ragazzi sudamericani disse semplicemente: “Una cosa è la povertà. Un’altra è la miseria”. È un concetto relativamente semplice, ma io non ci avevo mai pensato. E la distinzione mi è rimasta sempre nel cuore.
Altrettanto semplice, concettualmente, è il legame etimologico fra miseria e misericordia; ma è un legame così ricco che non basterebbero molte pagine a svilupparlo.
Misericordia ha dentro di sé il “commiserare” (com-patire, patire-con), ha il “cuore” che è l’agente del “patire-con”, ha la pietà che è sua volta compassione e pietas, la bontà profonda che è anche riconoscimento della trascendenza.
Solo chi sa mettersi in ginocchio (non obbligatoriamente davanti a Dio: basta solo che non sia davanti a se stessi) sa vedere la “miseria” degli altri, economica, morale, psicologica, relazionale. Solo chi sa di essere misero, ha il cuore di misericordia. E solo chi sa aprire il proprio cuore può trasformare la miseria, propria e altrui, nella fioritura della misericordia.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA CHIARA BERTOGLIO

Tags:
misericordiaragazzisan francesco d'assisi

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni