Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Stile di vita

Slow Sex: un modo per conciliare il desiderio maschile e quello femminile?

MAŁŻEŃSTWO W ŁÓŻKU

Shutterstock

Mathilde De Robien - pubblicato il 07/07/20

Amarsi in piena coscienza. Mantra dell’ultima moda o pratica sessuale millenaria? Se i beneficî dello slow sex risiedono in una maggiore attenzione portata all’altro, è pure vero che la sorgente di ogni amore è in Dio, non nella lenta ricerca di una perfetta armonia sessuale.

Sono parecchie, oggi, le terapie che promettono di insegnare a vivere “in piena coscienza”. Per godersi pienamente il momento presente e diminuire le fonti di stress, siamo invitati a meditare in piena coscienza, mangiare in piena coscienza, fare turismo in piena coscienza, partorire in piena coscienza… e pure ad amarsi in piena coscienza. Tale è l’idea sviluppata da una ventina d’anni a questa parte da Diana e Michael Richardson, battezzata col nome di “slow sex” e diffusa in Francia da Anne e Jean-François Descombes (in Italia da sessuologi come Marco Rossi e Alberto Caputo). Un modo alternativo di vivere la propria sessualità, che permette all’uomo e alla donna di incontrarsi, di attendersi, ma che comporta pure un certo numero di derive che, ove non vi si ponga attenzione, ci separano da Dio.

Essere presenti all’esperienza del momento

Lo slow sex invita a prendersi il proprio tempo, a connettersi al corpo proprio e a quello altrui, ad essere attenti alle sensazioni corporee interiori, con lo scopo di amarsi meglio. Questa forma di sessualità – spiega Cécile de Williencourt, ostetrica autrice del libro Trésors de femme (Mame) –

parte dal principio che il desiderio, il fantasma, l’eccitazione in vista dell’orgasmo sono proiezioni in un futuro o in un passato che non permettono di essere interamente presenti all’esperienza del momento. La pratica dello slow sex permette a entrambi i membri della coppia di connettersi col proprio corpo, ma anche di essere in ascolto dei desiderî propri e altrui per arrivare insieme al piacere. Si tratta di rivolgere la propria attenzione a quel che vive il corpo, lasciando da parte la dimensione psichica dell’immaginazione, del ricordo o dell’attesa.

Ad esempio la dimensione psichica rivolta all’orgasmo, che talvolta si considera lo scopo da raggiungere. L’amore in piena coscienza, però, non arriva ad alcun punto se non si è pienamente presenti alla relazione. «Il perseguimento dell’orgasmo a tutti i costi – precisa Cécile de Williencourt – ci allontana da quello che viviamo nel momento presente». Presenza, lentezza, delicatezza, sono le parole-chiave per imparare questa forma di sessualità condivisa, vissuta in due, con lo stesso ritmo. Quel che conta è creare un legame, non arrivare all’estasi. Donde l’importanza dei preliminari, delle parole, dello sguardo, per fare esperienza di una vera intimità coniugale.

Lo slow sex una risposta al modo in cui Dio ha creato l’uomo e la donna?

Non sempre il ritmo della sessualità mascolina sposa quello della sessualità femminile. Uno scarto che ha fornito materia di riflessione ai coniugi e terapeuti cristiani John e Stasi Eldredge:

Notate che Dio ha creato la sessualità della donna in modo che il suo crescendo sessuale chiede spesso – non sempre, ma spesso – più tempo di quello dell’uomo. […] Perché Dio ha disposto le cose così? […] Il forte contrasto tra i nostri due modi di desiderare e di raggiungere l’orgasmo deve avere un motivo. […] Dio chiede all’uomo di prendersi del tempo – in cui corteggiare, amare, essere delicato – perché la donna possa conoscere il suo medesimo rapimento. Ciò esige da parte sua una rinuncia all’egoismo.

Così si legge nella loro opera di riferimento, Love and War. Corteggiare, amare, essere delicati… Tutte cose tornate di moda con lo slow sex. E tuttavia l’armonia dei corpi può bastare al pieno appagamento coniugale?

I limiti dello slow sex

La prima trappola dello slow sex rischia di essere l’assolutizzazione. Lottare contro ogni forma di pressione diventa alla fine una pressione in sé. La deriva sarebbe quella di erigere le sensazioni corporee – la lentezza, la piena coscienza… – come degli obiettivi da raggiungere, laddove lo slow sex rivendica proprio di essere una pratica distante dalla corsa alla performance.

Altra deriva, lo slow sex rivendica il fatto che grazie all’intimità dei corpi la coppia consegua una certa intimità spirituale. La prospettiva cristiana, invece, promette il contrario: è l’intimità dei cuori che permette anzitutto di accedere in maniera libera, consenziente e gioiosa all’intimità dei corpi. L’intuisiozne di Giovanni Paolo II, riportata nelle sue catechesi sulla Teologia del Corpo, precisa appunto che l’unione sessuale dei corpi presuppone quella dei cuori. E anzi, più l’intimità spirituale tra i coniugi sarà grande, più l’armonia dei corpi sarà favorita. Quindi se si vuole tendere a una sessualità coniugale più intensa, meglio cominciare a curare meglio la relazione con l’altro nella sua globalità (cuore, corpo e spirito), invece di iscriversi a “corsi di slow sex”.


Thérèse Hargot

Leggi anche:
Al via gli ultimi dieci anni (decisivi) della “guerra dei sessi”: il nuovo libro di Thérèse Hargot

Sempre secondo una visione cristiana, la sessualità è anzitutto una questione di dono reciproco attraverso i corpi. L’uomo, poiché è a immagine di Dio – il quale è puro Dono, pura relazione – «non può trovarsi in pienezza se non per il dono disinteressato di sé stesso», si legge in Gaudium et Spes. Quel che conta, nell’unione sessuale degli sposi, non è fare il possibile per avvertire sensazioni corporee gradevoli, ma piuttosto far sbocciare in pienezza, totalmente, il desiderio di donazione reciproca.

In ultimo, lo slow sex ha delle radici tantriche e induiste che tendono ad allontanare dal Dio-personale della Rivelazione. Secondo gli adepti di quelle dottrine, l’amore si genera dalla perfetta armonia tra due corpi. Per i cristiani, la fonte dell’amore non è una performance fisica e sessuale, ma Dio solo. Ed è Dio che ha fatto all’uomo il dono del sesso. «Dio stesso ha creato la sessualità, che è un meraviglioso dono alle sue creature», sottolinea Papa Francesco in Amoris Lætitia. «Bevete, amici: inebriatevi!» (Ct 5,1), si ode dal corale del Cantico dei Cantici. Dunque pratichiamo la piena coscienza, certo, ma anzitutto quella che riconosce nella sessualità un dono e un progetto di Dio per gli uomini.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
erosfocus sessualitaintimitàmatrimoniopornografiasesso
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni