Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Uno sguardo al mondo: l’America Latina, il Covid19 e noi

Comunità di Sant'Egidio
Latin America waiting for help in pandemic time
Condividi
Sono allarmanti le notizie che arrivano dall’America Latina e Centrale, divenute in queste ultime settimane epicentro della pandemia del Covid-19. I dati del mese di giugno ci dicono che il Brasile ha superato la soglia di 50.000 decessi, diventando il secondo paese al mondo con il maggior numero di contagiati e di morti per Covid, con oltre 1 milione di infetti, appena sotto gli Stati Uniti. Perù e Cile, con 257.447 e 246.963 casi rispettivamente, sono tra i dieci Paesi più colpiti dal coronavirus nel mondo, prima di Italia e Iran, che pure sono stati l’epicentro del virus e hanno subito il maggior impatto durante la prima metà dell’anno.
C’è anche un allarme in Messico che da lunedì 22 giugno registra un numero giornaliero di decessi superiore al Brasile. Mentre in Argentina, il numero di casi sta raggiungendo i 50.000 e tanti sono anche lì i morti.

Caratteristiche particolari della pandemia in America Latina

Una economia che si regge quasi ovunque su lavori informali (più del 60% in molte zone dell’America Centrale) fa sì che la stragrande maggioranza della popolazione abbia abbandonato l’isolamento sociale dopo poche settimane, per cercare di che alimentarsi con lavori precari e senza alcun tipo di controllo.
Anche la struttura del continente con enormi agglomerati urbani con milioni di abitanti: Città del Messico, Lima, San Paolo, Buenos Aires, Bogotà, Santiago, ed estensioni infinite di baraccopoli con densità abitative altissime, rappresenta terreno fertile per la diffusione del virus.
Nel quadro generale assai complesso ci sono però alcuni paesi che hanno ottenuto risultati importanti nel contenimento dell’infezione. Tra questi vanno segnalati  Cuba e l’Uruguay.
Particolarmente preoccupante è la situazione a Tapachula, la zona del Messico dove si ammassano i migranti che dal Centro e Sud America scappano per raggiungere gli Stati Uniti. Lì si era svolta una missione di Sant’Egidio per aiuto ai profughi e siamo molto preoccupati: il numero dei contagiati è alto e le strutture che ospitano i migranti per prevenire il contagio sono chiuse a nuovi ingressi.

Le Comunità di Sant’Egidio in America Latina: una rete di solidarietà

Le nostre Comunità hanno seguito con attenzione l’evolversi della diffusione del virus in Europa e si sono messe in movimento tempestivamente per rispondere con creatività e responsabilità alla crisi che arrivava.
Sapendo che la crisi alimentare avrebbe raggiunto rapidamente i più poveri per la chiusura di mense e luoghi di carità istituzionali, hanno immediatamente avviato distribuzioni di alimenti ai senza dimora nelle grandi città ed alle famiglie povere più isolate nei quartieri periferici dove sono le scuole della pace. Ogni settimana vengono distribuiti migliaia di pasti anche gli anziani isolati in villaggi e nelle grandi periferie urbane. Per saperne di più:

in Perù

in Messico

in Argentina

ad Haiti

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni