Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Sapete qual è la qualità della vita di San Paolo che può cambiare la vostra?

Saint Paul
Condividi

Senza questa virtù spesso dimenticata, la vera conversione del cuore nei confronti di Dio non può mai verificarsi

San Paolo non ha mai incontrato Cristo durante la sua vita, ma è diventato uno dei più fervidi seguaci del Signore, e uno dei missionari più apostolici che il mondo abbia mai conosciuto. Ciò che sorprende di più in lui – e quello per cui è stato maggiormente ricordato nel corso dei secoli – è però forse il fatto che non avrebbe mai dovuto fare il missionario.

Quando Paolo appare per la prima volta nella Scrittura, perseguita crudelmente la Chiesa cristiana delle origini.

Il suo cambiamento di cuore radicale, dal condannare la lapidazione di Santo Stefano (Atti 6, 58) all’accettare con gioia la stessa corona del martirio, è una delle inversioni di marcia più scioccanti nella storia cristiana.

La sua storia di conversione ha un’importanza fondamentale ancora oggi, e le qualità interiori che l’hanno resa possibile possono avere una profonda influenza sulla nostra vita quotidiana.

Il coraggio di ammettere un errore

L’improvviso cambiamento del cuore di San Paolo rivela un tratto molto raro: era aperto a cambiare idea. Sembra semplice, ma ascoltare con cuore aperto informazioni nuove e poi integrarle in un modo che porta a cambiare comportamento e pensiero richiede un’umiltà straordinaria. È così, però, che si verifica la vera conversione del cuore.

Nessuno ama ammettere di aver sbagliato, e l’umiltà è sempre difficile. La Scrittura, però, ci dice in continuazione che l’orgoglio corrode l’anima. Serve una vera umiltà di spirito per essere aperti al cambio della nostra mente, com’è accaduto a San Paolo, e questa umiltà avvicina a Dio e alla sua verità: “Dio resiste ai superbi e dà grazia agli umili” (Giacomo 4, 6).

Come può essere questa umiltà quotidiana? Una persona con uno spirito umile come quello di San Paolo potrebbe ritrovarsi a dire frasi di questo tipo:

  • Non ne avevo idea. Buono a sapersi.
  • Penserò a quello che hai detto.
  • Non avrei dovuto farlo/dirlo.
  • Oh, non lo sapevo. Ho cambiato idea.
  • Non ci ho mai pensato in questo modo. Grazie per la tua spiegazione.
  • Terrò conto di queste nuove informazioni.
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni