Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconNews
line break icon

Cina, centinaia di croci demolite: «Violano le regole urbanistiche»

Pascal Deloche / Godong

Una donna raccolta in preghiera nella cattedrale di Macao (Cina).

Domitille Farret d'Astiès - pubblicato il 02/07/20

La campagna di repressione anti-cristiana prosegue in Cina. In meno di tre mesi, nella provincia dell’Anhui, più di 500 croci appartenenti a chiese cristiane sono state asportate.

Il potere comunista cinese continua a demolire croci. Nella provincia dell’Anhui (a est del Paese), vicino a Shangai, a partire dalla metà di aprile più di 500 croci appartenenti a luoghi di culto cristiani – cattolici o protestanti – sono state tolte dai campanili. Questa repressione si deve alle direttive del partito comunista e non è nuova: migliaia di croci sono già state ritirate nelle province del Zhejiang, dell’Henan, dell’Hebei e del Guizhu, talvolta col pretesto che violerebbero le regole dell’urbanistica.

Numerose domus ecclesiæ sono state parimenti chiuse dalle autorità. Per alcuni cristiani, l’ambizione del governo è chiaramente quella di abradere il simbolo della fede cristiana dalla sfera pubblica. Se la maggior parte dei membri del clero locale non protesta di fronte alle autorità, alcuni incoraggiano i fedeli a proteggere le loro croci e a scattare foto per documentare i soprusi.


UYGHUR PEOLPE

Leggi anche:
Cina, donne uigure costrette ad aborto e sterilizzazione: un genocidio demografico

La situazione dei cristiani in Cina è preoccupante. Fin dal primo giorno dell’allentamento delle misure anti-Covid-19 nel Paese, sono tornati a rimuovere croci dai tetti delle chiese. Mons. Huber, il direttore delle Pontificie Opere Missionarie tedesche, osservava allora:

Il governo del presidente Xi-Jinping tenta di controllare tutti gli àmbiti della società civile, compreso quello religioso.

E se le messe sono progressivamente tornate ad essere celebrate, in una parte del Paese, nel rispetto delle regole sanitarie, ciò è stato fatto a condizione che vi si insegni il patriottismo.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
cattolici in cinacinacomunismocoronaviruslockdownpandemia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni