Aleteia
martedì 27 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Spiritualità

Come consacrare una parrocchia o una famiglia a San Michele arcangelo

SAINT MICHEAL

Dervish Candela

San Michele Arcangelo

don Marcello Stanzione - pubblicato il 25/06/20

Ecco l’atto di affidamento a San Michele con cui affidare le nostre parrocchie o famiglie in una recita comunitaria possibilmente dinnanzi ad una immagine (statua o quadro) dell’Arcangelo:

In un momento difficile per l’umanità e la Chiesa a causa dell’epidemia del coronavirus sarebbe opportuno che i credenti cattolici si consacrassero in un modo particolare allarcangelo Michele che è, insieme a san Giuseppe, il patrono universale della Chiesa Cattolica. La possibilità di una consacrazione parrocchiale o familiare a san Michele e ai santi Angeli emerge dalla natura della virtù della ‘devotio’.

“La Chiesa venera gli Angeli” (CCC n. 352) e raccomanda questa vene­razione per la glorificazione di Dio. Nel prefazio dei santi angeli il celebrante prega: “È veramente cosa buona e giusta, … rendere grazie sempre e in ogni luogo a Te, Signore, Padre Santo, Dio Onnipotente ed eterno. Noi proclamiamo la Tua gloria che risplende negli Angeli e negli Arcangeli; onorando questi Tuoi messaggeri, esaltiamo la Tua bontà infinita”.
SAN MICHELE
Mentnafunangann I CC BY-SA 4.0

San Michele, Principe degli Angeli, uccide il diavolo.

Uniti nel godimento dell’eternità

La Consacrazione ai santi Angeli esprime l’unione della Chiesa pere­grinante con quella trionfante. S. Agostino scrive che queste due parti saranno un giorno anche unite nel comune godimento dell’eternità, anzi sono già una cosa sola attraverso il vincolo di amore, una unione che non ha altro scopo se non la venerazione di Dio. E nel Catechismo della Chiesa Cattolica leggiamo:

Fin da quaggiù, la vita cristiana partecipa, nella fede, alla beata comunità degli Angeli e degli uomini, uniti in Dio.

Perchè affidarsi alla protezione degli angeli

La Consacrazione ai santi Angeli è un patto. L’unione con i santi Angeli contratta implicitamente nel Battesimo, viene, attraverso la consacrazione, accolta coscientemente ed espli­citamente dai fedeli in famiglia o in parrocchia che desiderano pronunciarla. I cattolici si affidano con amore fraterno ai santi Angeli come a dei fratelli tutti santi, servitori con noi davanti a Dio e già a Lui irrevocabilmente uniti (cf Ap 19, 10; 22,9). In tal modo egli si apre intenzionalmente all’aiuto del loro operato. Contemporaneamente il fedele cattolico si impegna ad ascoltare e seguire i loro richiami (cfr. Es 25,21), che hanno sempre come fine la glorificazione di Dio e l’adempimento della Sua volontà.

Egli desidera una sempre più intima collaborazione con loro per espandere e diffondere il Regno di Dio in terra e condurre una vita quanto più possibile perfetta come membro vivo della santa Chiesa. Tale Consacrazione consente agli Angeli di compiere più ampiamente la loro missione salvifica nei confronti degli uomini (cfr. CCC n. 331). Essa consiste in un vincolarsi volonta­riamente ai santi Angeli e a San Michele per cercare, con il loro aiuto e imitando le loro virtù, di raggiungere la perfezione cristiana corrispondente al proprio stato e, insieme a loro, collaborare nella missione apostolica della Chiesa per la salvezza delle anime.

“A loro immagine e somiglianza”

Attraverso la consacrazione a Maria il fedele compie tutte le azioni attraverso, con e in Maria per compierle ancora più perfettamente con e in Cristo. Lo stesso può valere per la Consacrazione agli Angeli e all’Arcangelo san Michele in particolare: colui che si consacra agli Angeli e al loro Principe Michele cerca il più possibile di fare tutto con e come loro, per essere unito più perfettamente a Cristo e in Lui essere trasformato.

Ecco l’atto di affidamento a San Michele con cui affidare le nostre parrocchie o famiglie in una recita comunitaria possibilmente dinnanzi ad una immagine (statua o quadro) dell’Arcangelo:

ST MICHAEL,ARCHANGEL,STATUE
Pcdazero | CC0

L'arcangelo Michele.

Consacrazione a San Michele Arcangelo

Principe nobilissimo delle angeliche Gerarchie, valoroso guerriero dell’Altissimo, amatore zelante della gloria del Signore, terrore degli Angeli ribelli, amore e delizia di tutti gli Angeli giusti, mio dilettissimo Arcangelo S. Michele, desiderando io di essere nel numero dei vostri devoti e dei vostri servi, a voi oggi per tale mi offro, mi dono e mi consacro, e pongo me stesso, la mia famiglia e quanto a me appartiene sotto la vostra potentissima protezione.      È piccola l’offerta della mia servitù, essendo io un miserabile peccatore, ma Voi gradite l’affetto del mio cuore, e ricordatevi, che se da oggi avanti sono sotto il vostro Patrocinio, Voi dovete in tutta la mia vita assistermi, e procurarmi il perdono dei miei molti e gravi peccati, la grazia di amare di cuore il mio Dio, il mio caro salvatore Gesù, e la mia dolce Madre Maria, ed impetrarmi quegli aiuti che mi sono necessari per arrivare alla corona della gloria. Difendetemi sempre dai nemici dell’anima mia specialmente nel punto estremo della mia vita. Venite, allora, o Principe gloriosissimo e assistetemi nell’ultima lotta, e colla vostra arma potente respingete lontano da me negli abissi d’inferno quell’Angelo prevaricatore e superbo che prostrate un dì nel com­battimento in Cielo. Amen.
(Preghiera del Santuario S. Michele Arcangelo, Monte Sant’Angelo, Foggia – si trova anche in: G. Tomaselli, San MicheleArcangelo, Palermo 1972, S. 55). La preghiera era approvata dalla Santa Chiesa, una volta aveva una indulgenza di 50 anni.




Leggi anche:
Il tempio di San Michele costruito su uno spettacolare camino di lava




Leggi anche:
Prega la “coroncina Angelica” per chiedere l’assistenza di San Michele e degli angeli


SAINT MICHEAL

Leggi anche:
La figlia spirituale di Padre Pio che ha diffuso il culto di San Michele arcangelo




Leggi anche:
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San Michele Arcangelo


SAINTE THERESE DE LISIEUX

Leggi anche:
Santa Teresina a 9 anni strinse un patto con gli angeli

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
angelisan michele arcangelo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni