Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Cosa significa la parola “chiesa”?

CATACOMB
Photo by DeAgostini / Getty Images
Condividi

Il termine si riferisce non solo a un edificio fisico, ma, cosa più importante, anche alle persone che Dio chiama e riunisce a Sé

Nella cristianità, la parola “chiesa” è usata spesso, ma in base alla persona a cui si chiede può indicare varie cose. Comunemente, è usata per riferirsi all’edificio fisico in cui i cristiani si riuniscono per l’adorazione.

Questa, però, è solo una parte della definizione.

Secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica, il termine ha una ricca storia.

“La parola « Chiesa » [chiamare fuori] significa « convocazione ». Designa assemblee del popolo, generalmente di carattere religioso. È il termine frequentemente usato nell’Antico Testamento greco per indicare l’assemblea del popolo eletto riunita davanti a Dio, soprattutto l’assemblea del Sinai, dove Israele ricevette la Legge e fu costituito da Dio come suo popolo santo. Definendosi « Chiesa », la prima comunità di coloro che credevano in Cristo si riconosce erede di quell’assemblea. In essa, Dio « convoca » il suo popolo da tutti i confini della terra. Il termine, da cui sono derivati Church, Kirche, significa « colei che appartiene al Signore »” (CCC 751).

Questa definizione è in genere associata a una lettera maiuscola, per riferirsi a una più ampia comunità di credenti. Prosegue il Catechismo:

“Nel linguaggio cristiano, il termine « Chiesa » designa l’assemblea liturgica, ma anche la comunità locale o tutta la comunità universale dei credenti. Di fatto questi tre significati sono inseparabili. La « Chiesa » è il popolo che Dio raduna nel mondo intero. Essa esiste nelle comunità locali e si realizza come assemblea liturgica, soprattutto eucaristica. Essa vive della Parola e del Corpo di Cristo, divenendo così essa stessa corpo di Cristo” (CCC 752).

Un’immagine comune della Chiesa che aiuta a far emergere questo simbolismo dell’essere chiamati insieme dal Signore è il “gregge”, di cui Gesù Cristo è il Buon Pastore, chiamando ogni pecora per nome, ma anche in un’assemblea di credenti.

Il termine ha quindi una splendida storia e un’ampia serie di significati, che a volte è difficile deteminare, ma richiama il desiderio di Dio di riunire tutti i Suoi figli.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni