Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 16 Aprile |
Santa Bernadette Soubirous
home iconPerle dal Web
line break icon

Le foto “animate” di una prigioniera 14enne di Auschwitz

CZESŁAWA KWOKA, AUSCHWITZ

Auschwitz Memorial / Muzeum Auschwitz/Facebook

Aleteia - pubblicato il 22/06/20

Sguardo pieno di terrore, capelli rasati, labbro spaccato, uniforme a righe troppo grande... Le immagini di Czesława Kwoka restano impresse a lungo nella memoria

Com’era prima che scoppiasse la guerra? Aveva lunghe trecce e abiti colorati? Correva nei prati di Wólka Złojecka raccogliendo papaveri? Le piaceva mangiare le mele cogliendole direttamente dagli alberi? O forse odiava il velo di panna che si creava sulla tazza di latte caldo? Oggi di Czesia Kwoka resta solo il ritratto che le hanno fatto ad Auschwitz.

Chi lo ha visto in precedenza ricorda probabilmente gli occhi scuri pieni di orrore, tristezza e umiliazione. Ora, grazie alla brasiliana Marina Amaral, che colora le fotografie in bianco e nero, possiamo vederli con ancor più profondità.

Czesława Kwoka

Czesia era nata il 15 agosto 1928. Era una dei cosiddetti “Bambini della regione di Zamość”, sfollati a forza per stabilire nuovi insediamenti per la popolazione etnicamente tedesca. Si stima che durante quella campagna siano stati sfollati circa 110.000 Polacchi, inclusi 30.000 bambini. Al loro posto si insediarono circa 10.000 Tedeschi e 7.000 Ucraini.

Alcuni bambini vennero inviati nel Reich per essere germanizzati, altri morirono sui carri bestiame o vennero assassinati da un’iniezione di fenolo. Quest’ultimo fu il destino di Czesława Kwoka, di 14 anni.

La ragazzina venne inviata in un campo di transito a Zamość, e il 13 dicembre 1942 venne portata insieme alla madre Katarzyna ad Auschwitz-Birkenau. Riconosciuta come prigioniera politica, come dimostra il triangolo rosso sull’uniforme a righe, si vide assegnato il numero 26947. Si sa che era cattolica.

Subito dopo il suo arrivo al campo venne fotografata da Wilhelm Brasse. Nel documentario Portrecistą (“Ritrattista”), il regista Ireneusz Dobrowolski ha riferito:

“Ricordo in modo particolare la foto di questa bambina, una prigioniera, perché sembrava molto giovane, deliziosa, con quel fazzoletto sulla testa. Aveva ancora un buon aspetto, sembrava in salute. Le persone venivano chiamate con il loro numero, ma in tedesco, e questa ragazzina semplicemente non capiva cosa stesse succedendo. E allora la donna delle SS (l’ho visto varie volte) l’ha picchiata con la frusta colpendola sul viso”.

La bambina colpita si è asciugata le lacrime e il sangue dalle labbra e si è avvicinata al fotografo.

Il 12 marzo 1943 le è stato iniettato del fenolo nel petto. Sua madre, Katarzyna Kwoka, era morta il 18 febbraio 1943.

Marina Amaral e le sue “foto animate”

Quando l’artista brasiliana Marina Amaral ha visto la fotografia di Czesława Kwoka non è riuscita più a togliersela dalla mente.

“Se guardi il volto di Czesława vedrai del sangue. Era stata appena colpita da una guardia perché non capiva il tedesco. Dico sempre: ricordate che l’Olocausto non è iniziato con gli assassinii di massa, ma con la retorica dell’odio”, ha scritto su Facebook.

Colorare fotografie è la sua grande passione, ma anche un’opportunità per concentrarsi su ciò che è importante nella vita. Grazie a lei, i volti di Albert Einstein, Rasputin, Mark Twain, Elvis Presley, Anna Frank, Marie Skłodowska-Curie, Thomas Edison, la regina Elisabetta e Abraham Lincoln sono diventati più “vicini”. Ha anche “animato” le fotografie di molte persone di cui non conosceremo mai i nomi.

Un risultato incredibile…

Tags:
auschwitzbambinifotografia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni